Tònt uj’è Sanremo! (Tanto c’è Sanremo!)

02.02.2022 15:00 di Ferruccio Reposi   vedi letture
Tònt uj’è Sanremo!                 (Tanto c’è Sanremo!)
GrigiOnLine.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Fina a sabèt a suma a post! Se i Grigi im fòn andè mat, mé, aj’ho truvà la quadra: auard el festival ma nent perché a sea apssiunà d’ canson; nooo... l’è per vighi Fiorello o cucdën ‘me lü ch’um chënta del robi da reij. Acsé, per in bel po’, a pens nenta che cullà u s’è facc trè ad fóra perché u só padron l’ha nenta bütà in ater au só post... Che an banchénna j’eru antra doj, magari mej che lü... che almenu j’eru semper an ëndés anveci che ‘n déss... Che po’ dessi che cucdén l’aba facc aposta a bütè jën anveci che in ater, per dimustrè che in fanciutén, ‘penna rivà, el po’ nent essi in fenomeno... Mé am vig Fiorello che per mešura um tén luntòn dai Grigi e l’è in vantagi, in gros vantagi. Um ven nenta la pression outa, ma’ la testa, nervuss... onchesé ‘l nervus per i Grigi a l’ho da u ’60 – milanovsentsessonta, l’ani d’la retrucession an B, da la A – Po’, dop avej vist an po’ d’ Sanremo, Paco, el me còn, um ciama perché uj’è amnì seij e absogna ch’al porta a beivi; po’ a dev bütèli a drumì e...a pens pü ai Grigi per tütt la nocc. A pretend nenta che tücc jabu in còn per nent pensè al balón, uj mònca ancura! Però, però... si seisi ‘cme ch’um jüta..! Quasi ‘me Fiorello...

Fino a sabato siamo a posto  Se i Grigi mi fanno diventare matto, io, ho trovato la soluzione: guardo il festival ma non perché sia appassionato di canzoni; noooo... è per vedere Fiorello o qualcuno come lui che mi racconta delle cose da ridere. Così, per un bel po’, non penso che quel là si è fatto sbattere fuori perché il suo padrone non ha messo un altro al suo posto... Che in panchina ve ne erano due, magari meglio di lui... che almeno sarebbero stati sempre in undici, anziché in dieci... Che potrebbe darsi che qualcuno l’abbia fatto apposta a mettere uno invece di un altro, per dimostrare che un ragazzino, appena arrivato, non può essere un fenomeno... Io mi vedo Fiorello che per mezz’ora mi tiene lontano dai Grigi ed è un vantaggio, un grosso vantaggio.. Non mi viene la pressione alta, mal di testa, nervoso... anche se il nervoso per i Grigi ce l’ho dal 1960 – millenovecentosessanta, l’anno della retrocessione in B, dalla A –. Poi, dopo aver visto un po’ di Sanremo, Paco, il mio cane, mi chiama perché gli è venuta sete e bisogna che lo porti a bere; poi devo metterlo a dormire e... non penso più ai Grigi per tutta la notte. Non pretendo che tutti abbiano un cane per non pensare al calcio, ci manca ancora! Però, però... se sapeste come mi aiuta! Quasi come Fiorello...

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt(tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.