I miracoli li fa soltanto Dio! Allorché Longo disse: “Un momento! Ci sono anch’io!”

14.12.2021 14:30 di Ferruccio Reposi   vedi letture
I miracoli li fa soltanto Dio! Allorché Longo disse: “Un momento! Ci sono anch’io!”
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Aj suma turna... Dop avei guadagnà la partea quatr’a šeru an trasferta, giugà contra ‘na squadra c’l’ava ot poncc pü che nujater an clasifica, con ‘na brancà d’ fanciot da trincea d’guera, con in scaciacòn per difendsi, uj’è ‘ncura d’la gent c’l’è nenta gent ma ammachi di abeté chi dišu: "Eh, seee... però... la Reggina la vó mandè a cul paiss l’alenatur..."; "Si crompu nenta ‘na poncia, in difensur, in mediòn, in purtié d’ scorta, doj magašiné, in telefunista, in ragiunié (ai vag mé, aaaaagratissss!), ‘na bela valëta e la Wanda Osiris... aj la fuma nenta a stè an B!!!". Onche se an po’ d’roba l’è veira, dop in quatr’ a šeru an trasferta... Ten d’achënt l’archëtt che la sunada l’è longa!!!

Per la prima vòta, dòp n’eternità, aj’ho vist o u m’è smijà d’vighi, el mister Longo fè in mès suris, dòp c’l’ava abuì ‘n po’ d’acqua da la só butiliëta mascheraja da gašuša! No, no... cucdën u m’ha sübit dicc c’l’ava ammachi slargà ‘n po’ ‘l lavri per dèsi ‘n po’ d’büter ad cacao..! T’al fai nionca reij ma nionca... se t’aj faj gatgnén!!!

U titul l’è medešim, ‘me an italiòn! Se d’no la rima um ciula..!

Ci siamo di nuovo... Dopo aver vinto la partita quattro a zero in trasferta, giocato contro una squadra che aveva otto punti più di noi in classifica, con un manipolo di ragazzi da trincea di guerra con uno scacciacani per difendersi, c’è ancora gente che non è gente ma solamente degli abeté (in lingua rende meno... n.d.r.) che dicono: "Eh... sìììì... però... la Reggina vuol mandare a quel paese l’allenatore..."; "Se non acquistano una punta, un difensore, un mediano, un portiere di scorta, due magazzinieri, un telefonista, un ragioniere (ci vado io – aaaaa – gratuitamente!), una bella valletta e la Wanda Osiris... non ce la facciamo a rimanere in B!!!". Anche se un po’ di cose sono vere, dopo un quattro a zero in trasferta... Tieni d’acconto l’archetto che la suonata è lunga!!!

Per la prima volta, dopo un’eternità, ho visto o mi è sembrato di vedere, il mister Longo fare un mezzo sorriso, dopo aver bevuto un po’ d’acqua dalla sua bottiglietta camuffata da gazzosa! No, no... qualcuno mi ha subito detto che aveva solamente un po’ allargato le labbra per darsi un po’ di burro di cacao..! Non lo fai ridere neanche ma neanche... se gli fai solletico!!!

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt(tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.