Imperativ o congiuntiv? (Imperativo o congiuntivo?)

04.04.2022 12:30 di Ferruccio Reposi   vedi letture
Imperativ o congiuntiv? (Imperativo o congiuntivo?)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Prima d’la partea con la Spal, tücc o quasi tücc, i divu ch’l’era “imperativ” piè i trei poncc an clasifica... Us vigg che a suma nenta tònt fort ant’el coniugassion di verbi, perché anveci d’l’imperativ, forse, ajuma sfuderà in bel congiuntiv che um fa amnì an ment in’atra coniugassion: ai la farruma??? Ancura sés parteij, dešdott poncc a dispusission... A sarruma bón a feni... quòncc? Admòn anduma a giughè a Cremona ch’l’è prima an clasifica e l’ha di giugadur da serie A. Stuma schiss e butunà. E se la Cremuneiša la füssa ant’ina giurnà malfurgiaja? Magari, forse, po’ dèssi, speruma... e ater ròbi ad bonna speronsa e semper con i dì ancrušiaj e u sòng a la gula... Longo e i giugadur j’hon šà tracc ad fóra i pulmòn... seeee, d’acordi... nent propi tütt el vòti e nenta tücc ma set vori fè? A suma piassà acsé e acsé anduma anòn! Speruma che j’ater drera a noi, i vagu pü andrera ancura. L’ünica ròba sicüra l’è che, a forsa ad sperè, a forsa d’vej l’agitassion tütt el vòti, ut arman ammachi pü ‘na cüra con la Kijiimea perchè nionca pü in còn el po’ steti davšén!

Prima della partita con la Spal, tutti o quasi tutti dicevano che era “imperativo” prendere i tre punti in classifica... Si vede che non siamo tanto forti nella coniugazione dei verbi, perché invece dell’imperativo, forse, abbiamo sfoderato un bel congiuntivo che mi fa venire in mente un’altra coniugazione: ce la faremo??? Ancora sei partite, diciotto punti a disposizione... Saremo capaci di farne quanti? Domani andremo a giocare a Cremona che è prima in classifica e ha giocatori di serie A. Stiamo zitti e abbottonati. E se la Cremonese fosse in una giornata sfavorevole (malfatta)? Magari, forse, può darsi, speriamo e altre cose di buona speranza e sempre con le dita incrociate e il sangue alla gola... Longo e i giocatori hanno già sputato i polmoni... sìììììì, d’accordo... non proprio tutte le volte e non tutti ma cosa vuoi fare? Siamo piazzati così e così andiamo avanti! Speriamo che gli altri dietro di noi, vadano più indietro ancora. L’unica cosa sicura è che, a forza di sperare, a forza d’avere l’agitazione tutte le volte, ti rimane solamente più una cura con la kijiimea perché neanche più un cane ti può stare vicino.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü= pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.