I sciòncagula Gli strappagola (trad. letterale)

08.03.2022 09:00 di Ferruccio Reposi   vedi letture
I sciòncagula Gli strappagola           (trad. letterale)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Am na vis che me mama, grama dòna, setont’ani fa, del vòti um dava sing o dés liri per crumpemi ‘n po’ d’sciòncagula. Andava da in tabachén, Pitalüga us ciamava; l’era a sent meter da ca’ mea, an via Napuli. Se chi són i scioncagula e se chi j’entru con i Grigi? Ades av la dig: j’eru di bumbon cit, ariond, neier e gumuši. I savu ad viulëta e rigulissia. T’na bütavi doi an buca e t’mastiavi per meš’ura, semper col medešim güst fina ala fén. Im piašivu da mat! I piašivu a tücc el mašnà ‘me mé! “E alura?” Im dirrei vuiater... E alura me car amis... i Grigi l’è la medešima ròba d’la storia di sciòncagula. I masteju, i masteju e i seguitu a mastiè giógg tüta la partea ma ‘l güst l’è semper medešim: viulëta e rigulissia. Se t’vori senti in güst an po’ divers, devi crumpè del caramèli ad marca ma... i custu trej vòti tònt o t’at cuntenti ad vighi Pisseri ch’el vula an po’ da chì e an po’ da là, salvònda porta, partea e... sciòncagula!

Mi ricordo che mia madre, brava mamma, settant’anni fa, a volte mi dava cinque o dieci lire affinché mi potessi comprare un po’ di “scioncagula”. Andavo da un tabaccaio, si chiamava Pittaluga; era a cento metri da casa mia, in via Napoli. Cosa sono gli “scioncagula” e cosa c’entrano con i Grigi? Adesso ve lo dico: erano dei dolcetti piccoli, rotondi, neri e gommosi. Sapevano di violetta e liquirizia. Ne mettevi due in bocca e masticavi per mezz’ora, sempre con lo stesso gusto sino alla fine. Mi piacevano da pazzi! Piacevano a tutti i bambini come me! “E allora?” Mi direte voi... E allora miei cari amici... i Grigi è la stessa questione della storia degli “scioncagula”. Masticano, masticano e continuano a masticare gioco tutta la partita ma il gusto è sempre lo stesso: violetta e liquirizia. Se volete sentire un gusto un po’ diverso, dovete comperare caramelle di marca ma... costano tre volte tanto oppure ti accontenti di vedere Pisseri che vola un po’ di qua e un po’ di là, salvando la porta, la partita e... gli “sciòncagula”!

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó= la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.