GRADINATA NORD (L’è medešim onca an dielët)

23.02.2022 16:00 di Ferruccio Reposi   vedi letture
GRADINATA NORD   (L’è medešim onca an dielët)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Avei pasiensa ma um vén el magón a vighi tüta sa gent, tücc cui tifus di Grigi, fina ad Ascoli e ancura pü luntòn, an gir per l’Italia; a criè per du uri, per dè ‘na mòn a la squadra! A fuma cul c’a puduma con cul ch’ajuma. La realtà l’è cula d’avei el sacoci pénni d’crivela! El gròn, a la longa, u s’è slenguà, ‘me la fioca au su.

Ajuma cultivà la vóia ad stè ‘nsèma, la vóia d’criè ‘n coro, ad cantè... Ajuma bütà ‘nsèma la passion, u tifo d’ognidën e forse, fina ‘na rüšia an famja: "T’ei semper vea da ca’ per vighi i Grigi et veni a ca’ che t’ei semper anrabià ‘me ‘na bestia! Chi c’ut t’la fa fè?!? T’ei propi in auruc!" 

Ammachi ist ròbi chì j m’armanu e la speronsa ch’la mór mai! Mai pü!!!

Abbiate pazienza ma mi viene il groppo in gola a vedere tutta quella gente, tutti quei tifosi dei grigi, persino ad Ascoli e ancora più lontano, in giro per l’Italia; gridare per due ore, per aiutare la squadra! Facciamo quel che possiamo con quel che abbiamo. La realtà è quella di avere le tasche piene di carestia! I soldi, alla lunga, si sono sciolti come la neve al sole.

Abbiamo coltivato la voglia di stare insieme, la voglia di gridare in coro, di cantare... Abbiamo messo insieme la passione, il tifo di ognuno e, forse, persino un bisticcio in famiglia: "Sei sempre via da casa per vedere i Grigi e torni a casa che sei sempre arrabbiato come una bestia! Chi te lo fa fare?!? Sei proprio un insensato!"

Soltanto queste cose ci rimangono e la speranza che non muore mai! Mai più!!!

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó= la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.