‘Sti fantasmi (Questi fantasmi)

LEGENDA: ë=pronuncia come per la “eu” francese (es.: biciclëta); é=la “e” di méla; è=la “e” di sette; ó=la “o” di sotto; ò=la “o” di bòtta; ü=pronuncia alla francese (es.: tütt); š=la “s” di rosa
06.10.2020 13:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
‘Sti fantasmi (Questi fantasmi)
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

No, no, i devi nent avei poura, De Filippo uj’entra nenta. Aj’ho pià ammachi u titul per fè vighi c’aj’ho stüdià ‘n po’ d’teater... L’è che con l’Olbia, ‘penna cmensà u sgond temp, aj’ho vist jën tüt vistì d’bionc, da cima a pé, propi ‘me in fantasma, curi adrera an balon c’l’andava dricc ant la só porta ma per tònt ch’el curissa, el balón l’andava pü fort ancura! Lü, el fantasma, u s’è tracc an tèra a l’ültim mument (ant’i film aj’ho mai vist in fantasma c’us traga an tèra; ma adess j’hon cambià regista...) e ‘l balón l’ha picà ant’el pa, l’è turnà andrera l’ha pià ant’el mur e l’è entrà an porta! Perché c’aj’ho dicc “fantasma”? Perché sta storia u m’ha facc amnì an ment che andrenta a cul vistì bionc is fissu scundì doj fenomeni... um piass nenta di ‘me ch’is ciamu ma i fòn rima con “trabucchi” e con “latticini”... A voi dì cuccòša per Curassa: l’atra duminica, ater fenomeni i divu c’u s’era nenta vist ans’el còmp. ‘Sta vòta se chi dišu? C’l’era u dupi? L’è che se t’seguiti a beivi tròp... a scabiè del tasi, ‘me c’us fava ‘na vòta, uj va da meš la vista! ‘Na vòta t’vighi la metà e l’atra onca u triplo!!!

No, no, non abbiate paura, De Filippo non c’entra. Ho preso solamente il titolo per far vedere che ho studiato un po’ teatro... Il fatto è che con l’Olbia, appena iniziato il secondo tempo, ho visto uno tutto vestito di bianco, da capo a piedi, proprio come un fantasma, correre dietro a un pallone che andava dritto nella sua porta ma per tanto che corresse, il pallone andava più forte ancora! Lui, il fantasma, si è buttato a terra, all’ultimo momento (nei film non ho mai visto un fantasma che si butti a terra; ma adesso hanno cambiato il regista...) e il pallone ha preso il palo, è tornato indietro, l’ha preso in faccia ed è entrato in porta! Perché ho detto “fantasma”? Perché questa storia mi ha fatto venire in mente che dentro a quel vestito bianco si fossero nascosti due fenomeni... non mi piace dire come si chiamano ma fanno rima con “trabucchi” e con “latticini”... Voglio dire qualcosa per Corazza: l’altra domenica, altri fenomeni dicevano che non si era visto sul campo. Questa volta cosa dicono? Che era doppio? Il fatto è che se continui a bere troppo... a svuotare (bere) delle tazze, come si faceva una volta, ci va di mezzo la vista! Una volta vedi la metà e l’altra anche il triplo!!!