Stavòta aj l’uma facia (Stavolta ce l’abbiamo fatta)

24.03.2021 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Stavòta aj l’uma facia  (Stavolta ce l’abbiamo fatta)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Burénna & Michénna

Michénna - T’hai vist Burenna che onca stavòta aj l’uma facia? Se t’na diši?

Burénna - Stavòta a l’ho vista onca mé la partea! Tònt l’era gratis, i la favu vighi an televišion!

M. - Té t’ei in fenomeno..! Té t’mongi nenta per nent caghè! Mé anveci a dev dì grassie al mé farmacista...

B. - Se c’uj’entra adess el farmacista con la partea? 

M. - Uj’entra aterchè! ‘Me c’a fava a resisti tütt in temp con i Grigi chi vensivu ammachi jën a šeru? La mé presion la sarreisa andacia a taršent e pussa, se el mé farmacista u m’eissa nenta dacc ‘na pilula nova: el “Peiladussan” d’la rinumaja “Moccafizer”. A son propi stacia ben!

B. - Moccafizer... um smeja d’aveila šà sentija, ant’isti dì... Mah?!?

M. - Ošà! L’è ‘na mezzenna c’la ten lunton virus, tarme, serpent e cuj chi parlu ma’ di Grigi.

B. - Euh, cuj lé,  ij sarròn semper..! Il fòn aposta per fess criè drera. I són i medešim ch’is taju ‘l bali per fè in dispet a la mujé!

M. - Orcu ista u t’è amnja ben! U m’è piasija dabón. Auriva dì ancura ‘na roba: Eusepi l’ha turna sbaglià ‘n rigur... perché uramai i purtiè i l’hon pià fóra ch’u tira la bala semper a la dricia e po’, onchesé, l’è stacc in purtié propi brav!

B. - Eusepi el vén vegg onca lü, l’è mea pü ‘me quondi c’l’ava vent’ani...

M. - Sa stuma ancura ‘n po’ si chì amnuma ad sent ani. Va non anduma a ca’ che a cà i noster marì im tenu giuvni...

B. - Mah... mé avreissa an po’ ad dübi ma forse l’è mej fè ‘me t’diši té. Anduma ciau !

Ciau onca da Ferry.

Burina & Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Michina - Hai visto Burina che anche stavolta ce l’abbiamo fatta? Cosa ne dici?

Burina - Stavolta l’ho vista anch’io la partita. Tanto era gratis, la facevano vedere in televisione.

M. - Tu sei un fenomeno! Tu non mangi per non cag... Io invece devo dir grazie al mio farmacista.

B. - Cosa c’entra adesso il farmacista con la partita?

M. - C’entra eccome!  Come avrei fatto a resistere tutto un tempo con i Grigi che vincevno solamente 1-0? La mia pressione sarebbe andata a 300 e oltre se il mio farmacista non mi avesse dato una pillola nuova: il “Peiladussan” della rinomata “Moccafizer”. Sono stata proprio bene!

B. - Moccafizer mi sembra di averla già sentita in questi giorni... Mah ?!?

M. - Già! È una medicina che tiene lontano virus, tarme, serpenti e quelli che parlano male dei Grigi.

B. - Euh, quelli lì ci saranno sempre! Lo fanno apposta per farsi gridare dietro. Sono gli stessi che si tagliano le balle per fare un dispetto alla moglie.

M. - Accidenti questa ti è venuta bene! Mi è piaciuta davvero! Volevo dire ancora una cosa: Eusepi ha sbagliato di nuovo un rigore, perché ormai i portieri hanno capito che tira la palla sempre a destra e poi, anche, è stato un portiere proprio bravo!

B. - Eusepi viene vecchio anche lui... Non è mica più come quando aveva vent’anni...

M. - Se stiamo ancora un po’ qui, diventiamo di cent’anni. Dai, andiamo a casa che i nostri mariti ci tengono giovani...

B. - Mah... a me verrebbe qualche dubbio ma forse è meglio fare come dici tu. Andiamo ciau!

Ciau anche da Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.