Quondi che l’arbitro u ciüfla trè voti (Quando l’arbitro fischia tre volte...)

09.03.2021 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Quondi che l’arbitro u ciüfla trè voti (Quando l’arbitro fischia tre volte...)
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Burénna & Michénna

Burénna - Ciao Michenna, aj’ho sentì che ‘l partei d’ balón i düro fin a mai, ‘me cula di Grigi con l’Albino.

Michénna - Se t’ vori savei té ad balón..! I düru pü tònt se us dev fè ‘l recupero...

B. - Recüperè la bala?

M. - Ma va nòn la bala... Recüperè ‘l temp c’u s’è pers long la partea... sustitusion, infortuni... roba du gener, at capì?

B. - No! Per j’infortuni uj’è nenta l’Inail?

M. - Uarda... at la spiég in’atra vòta, perché parlè ansèma té, l’è c’me dè in ciculatén an buca a in ašu. La partea l’è finija quondi che l’arbitro u ciüfla trè voti! Trè voti, acsè té, la tersa vòta, t’l’avrai capija c’lè finija! O no?

B. - Sé, sé... cuntenta té ad senti ciüflè trè voti ad seguit, cuntent tücc!!!

M. - Che pasiensa c’uj vó a stèt adrera ai tó discurs d’ansensaja..! Auriva dì che i Grigi j’hon facc in gol a l’ültim minütt du recupero e i son riussì a vensi la partea! Toncc i divu c’lè stacia na question ad cü ma mé a digg che ‘l cü, si m’l’hon facc, el va semper purtà ‘drera e giughè fina tònt che l’arbirtro u ciüfla la fén, se d’no t’ei ‘na ciula. I Grigi j’hon nent mulà in mument... sin a l’ültim respir e j’hon avì rašon. A vigti ‘me c’us dev fè?

B. - Aj’ho vist che, tra giughè fina a l’ültim respir e ciüflè trej vòti ad fila, l’è semper questión ad fià e mé ad fià da sgarè a n’aj’ho mea; onsi adess a vagg a piè na bela bucà d’aria! Ciao!

A s’avguma, Ferry.

Burina & Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Burina - Ciao Michina, ho sentito che le partite di calcio durano all’infinito, come quella dei Grigi con l’Albino.

Michina - Cosa vuoi mai sapere tu di calcio..! Durano di più se si deve fare il recupero...

B. - Recuperare la palla ?

M. - Ma vaaa la palla... Recuperare il tempo che si è perso lungo la partita... sostituzioni, infortuni, cose del genere, hai capito?

B. - No ! Per gli infortuni non c’è l’Inail ?

M. - Guarda... te lo spiego un’altra volta, perché parlare con te è come dare un cioccolatino in bocca ad un asino. La partita è finita quando l’arbitro fischia tre volte! Tre volte, così tu, la terza volta, avrai capito che è finita! O no?

B. - Sì, sì... contenta tu di sentir fischiare tre volte, contenti tutti!!!

M. - Che pazienza ci vuole per seguire i tuoi discorsi da insensata! Volevo dire che i Grigi hanno fatto un gol all’ultimo minuto di recupero e sono riusciti a vincere la partita! Molti dicevano che è stata una questione di sedere ma io dico che il sedere, se me l’hanno fatto, bisogna sempre portarselo appresso e giocare fino tanto che l’arbitro fischia la fine, altrimenti sei una ciula. I Grigi non hanno mollato un momento... sino all’ultimo respiro e hanno avuto ragione. Vedi come bisogna fare?

B. - Ho visto che, tra giocare sino all’ultimo respiro e fischiare tre volte di fila, è sempre questione di fiato e io di fiato da sprecare non ne ho; anzi adesso vado a prendere una bella boccata d’aria! Ciao!

Ci vediamo, Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.