Montalbano...

10.04.2019 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Montalbano...

Am bugg da ca’; ammachi trej vòti la smonna: doj per el provi d’teater e jënna per andè a Parma a fè el curs d’regia. E basta! A vaggh pü da ‘nzënna part, nionca pü al Mocca, per nent patì per ‘na partea d’balón. A la me età l’è mej tensi d’achënt, ‘me c’us fa co’ u sücher, la sa’, el vén, andè a drumì nenta tònt tardi (al fass ancura però... an po’ menu...). Aj’era ben anviarà, stasira, a vighi la partea an televišion ma dòp u sgond gol d’l’Arezzo, aj’ho girà da Montalbano. A voj pü sagrinemi con el balón e se per sulé e per cucdën  a son in tifus da poch, se c’um n’an fà? Mé aj’ho mea la salüt c’um spüssa! E po’ me mama, grama dona, um diva: “L’è mej scampè che murì!“. A só nent perché ma stasira Montalbano u m’ha facc girè ‘l bali!

 A s’avguma... col buci fermi.

Non mi muovo più da casa; solamente tre volte la settimana: due per le prove teatrali e una per andare a Parma per il corso di regia. E basta! Non vado più da nessuna parte, nemmeno al Mocca, per non soffrire per una partita di pallone. Alla mia età è meglio risparmiarsi, come si fa con lo zucchero, il sale, il vino, andare a dormire non troppo tardi ( lo faccio ancora però... un po’ meno...). Ero ben intenzionato, questa sera, a vedere la partita in televisione ma dopo il secondo gol dell’Arezzo, ho cambiato su Montalbano. Non voglio più arrabbiarmi con il calcio e se per questo e per qualcuno sono un tifoso da poco, cosa me ne importa? Io non ho la salute che mi puzza! E poi mia mamma, cara donna, mi diceva: “È meglio vivere che morire!” Non so perché ma questa sera Montalbano mi ha fatto girare i dicotiledoni!

Ci vediamo... con le bocce ferme.