Me car President! (Mio caro Presidente!)

26.01.2021 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Luca Di Masi
Luca Di Masi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Im son amnì ‘n ment ‘sti ot’ani che t’ei stacc president... Scüša s’at dag du tei ma t’pori esi me fió! Se c’a dig? M’envud se mai. T’hai arfac mes Mokka nov, t’hai crumpà a destra e snistra; adess t’hai facc meša squadra nova e per giónta t’paghi trei alenatur per aveini jën! Tütt st’afari chì, al vo dì ‘na roba sula: atacament a la squadra, ai Grigi. Nenta a tücc i tifus uj va a genio, perché tònc i stentu a capì o i voru nent capì, c’l’è peš... In’atr’afari a voj dì: a voj piè per esempi Pisseri; l’è in giugadur che l’ha dimustrà atacament, onca lü, a la squadra, altrimenti el va nent a tresi col mur an mes i pé d’l’aversari c’uj ven ancontra a tüta velusità. Nionca per tütt l’or del mond! E alura? Se ‘l purtié l’è c’sé a dubuma pensè che onca tücc j’ater i voru ben a la squadra. Facia ‘sta precisasion am sent pü sulevà e as s’avguma duminica quénn.

Voster Ferry.

Mi sono venuti in mente questi otto anni che sei stato presidente... Scusa se ti do del tu ma puoi essere mio figlio! Cosa dico? Mio nipote se mai. Hai rifatto mezzo Moccagatta nuovo, hai comprato a destra e a sinistra; adesso hai fatto mezza squadra nuova e per giunta paghi tre allenatori per averne uno! Tutta questa cosa, ha un solo significato: attaccamento alla squadra, ai Grigi. Non a tutti i tifosi piace, perché tanti stentano a capire o non vogliono capire, che è peggio... Un’altra cosa voglio dire: voglio prendere per esempio Pisseri; è un giocatore che ha dimostrato attaccamento, anch’egli, alla squadra, altrimenti non va a gettarsi con la faccia tra i piedi dell’avversario che gli corre incontro a tutta velocità. Neanche per tutto l’oro del mondo! E allora? Se il portiere è così, dobbiamo pensare che anche tutti gli altri amano la squadra. Fatta questa precisazione, mi sento più sollevato e ci vediamo domenica prossima.

Vostro Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.