Me car President (doj) Mio caro Presidente (due)

01.02.2021 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Luca Di Masi
GrigiOnLine.com
Luca Di Masi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

At scriv turna perché avghenda la partea con l’Olbia, u m’è amnì an ment Sandro Locardi, u noster pueta dialetal, bunomma che, parlonda ad Spadolini ‘l pulitic, u diva ad lü: “ A l’ha ‘n cü c’al finiss pü, se c’al mongia ul sa ‘mac lü; um scarea tònta roba, da amipinini in guardaroba “. Alura aj’ho propi capì! Aj’ho capì che dop cul che t’hai speis da chì e da là per i Grigi, t’hai aussì onca fè in’atra speisa... ‘Na speiša che mai antzën l’avreisa pensà ‘d fè! In culp d’asident, mea da doj lindricc. T’hai aussì crumpè doj quintal ad cü! E chi c’uj’avreissa pensà? Chissà se t’hai speis! El cü l’è nenta tònt a bunpat ma u serv. Orcu su serv! E antzën el pensa a crumpeli. Ammachi ‘lportacoua l’è nenta a basta! D’acordi... uj vó onca in incuscient ‘me Pisseri ch’el va a ‘nfilè ‘l mur an mes ai pé d’j’ater mentre ch’ij curu ancontra! Brav President, isti i son i sold pü ben speisi d’la tó vita. T’pori esi onca Onassis o Zuckerberg ma sensa cü... t’vai d’antzënna part..! Fam in piasì, dop la partea col Lecco, se t’n’hai vansà ‘ncura an po’... damni doj etu... at rimburs el speiši ! Ricordti ad fè rifurniment !

Voster Ferry, sensa c...

Ti scrivo di nuovo perché vedendo la partita con l’Olbia, mi è venuto in mente Sandro Locardi, il nostro poeta dialettale, buonanima che, parlando di Spadolini il politico, diceva di lui: “ Ha un culo che non finisce più, cosa mangia lo sa solo lui; mi scarica tanta roba, da riempirne un guardaroba “. Allora ho proprio capito ! Ho capito che dopo ciò che hai speso di qua e di là per i Grigi, hai anche voluto fare un’altra spesa... Una spesa che mai nessuno avrebbe pensato di fare ! Un colpo d’accidenti, mica di poco conto. Hai voluto comprare due quintali di culo ! Chi ci avrebbe pensato ? Chissà quanto hai speso ! Il culo non è tanto a buon prezzo ma serve. Accipicchia se srve ! E nessuno pensa di comprarlo. Solamente il portacoda (deretano, ndr.)non basta !  D’accordo... occorre anche un incosciente come Pisseri che va ad infilare la faccia in mezzo ai piedi degli altri che gli corrono incontro ! Bravo Presidente, questi sono i soldi più ben spesi della tua vita. Puoi anche essere Onassis o Zuckenberg ma senza culo... non vai da nessuna parte..! Fammi un piacere, dopo la partita con il Lecco, se ne hai avanzato ancora un po’... dammene due etti...ti rimborso le spese. Ricordati di fare rifornimento !!

Vostro Ferry, senza c...

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.