La storia du rigur (La storia del rigore)

LEGENDA: ë=pronuncia come per la “eu” francese (es.: biciclëta); é=la “e” di méla; è=la “e” di sette; ó=la “o” di sotto; ò=la “o” di bòtta; ü=pronuncia alla francese (es.: tütt); š=la “s” di rosa
01.12.2020 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
La storia du rigur                     (La storia del rigore)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Rolando, u giugadur d’la Pro, la bütà la bala ansüma au dischët du rigur, po’ la spicià che l’arbitro u cifleisa, po’con calma l’ha pià la rincursa, l’è rivà taca la bala e u s’è fermà per pensè se tirè out o bas. L’ha decis ad tirè out perché l’ha pensà: "Antònt sa tir out, ans la gradinà, a póss piè antzën ant’el mur perché uj’è antzën, nionca n’anima viva!". E l’ha stampà ‘l balón propi an mes al cadreghi... ch’j’hon ancur da trueli adess. Acsé l’arbitro, dop an po’, l’ha dacc el bonus rigur scuntentonda tücc cuj ch’j’aurivo el monopattino... Però nent da dì, difati ‘l rigur l’era giüst perché cullà d’la Pro l’è stacc sgambetà a sing milim da la riga. Tant’è che tücc is ciamavu c’mela mai fè in fal d’acsé, quondi che la bala e ‘l giugadur j’eru pü fóra che andrenta. Mah! Vala a savej c’me chi vòn el robi..! Però l’è andacia ancura ben, con o sensa bonus, con o sensa monopattino m’ajuma facc in gol an pü che j’ater.

Rolando, il giocatore della Pro, ha messo il pallone sul dischetto del rigore, poi ha aspettato che l’arbitro fischiasse, poi con calma ha preso la rincorsa, è arrivato vicino alla palla e si è fermato per pensare se tirare alto o basso. Ha deciso di tirare alto perché ha pensato: "Intanto se tiro alto non posso prendere nessuno in faccia perché non c’è nessuno, nemmeno un’anima viva!". E ha stampato il pallone proprio in mezzo ai sedili... che hanno ancora da trovarlo adesso. Così l’arbitro, dopo un po’, ha dato il bonus rigore scontentando tutti quelli che avrebbero voluto il monopattino... Però, niente da dire, infatti il rigore era giusto perché quello della Pro è stato sgambettatto a cinque millimetri dalla riga. Tant’è che tutti si chiedevano come mai fare un fallo così, quando la palla e il giocatore erano più fuori che dentro. Mah! Vai a sapere come vanno le cose..! Però è andata ancora bene, con o senza bonus, con o senza monopattino ma abbiamo fatto un gol più degli altri.