J’eru mea lur (Non erano mica loro)

27.10.2020 13:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
J’eru mea lur                         (Non erano mica loro)

J’eru vistì ad gris, is ciamavu cól medešim nòm ma i pudivu nenta essi lur! An trej dì, in cambiament acsé?!? Cuilà del Pontedera javu pü del dupi ad poncc ad vantagi an clasifica e ‘l balón i l’hon sciarà quondi c’l’ha pià ‘n mòn l’arbitro. Beh, là... pü o meno, dai... I curivu pü fort del dupi ad prima, i favu nent di erur, bei pasagi, i tiravu oncasé... us sava pü se la difeisa l’era a trej o a ses... E ‘l bel ch’il savu nenta nionca cuj del Pontedera..! A la fén d’la partea aj’ho cuntrulà i nom... Sé, sé... jeru lur. Aj’ho cuntrulà ‘l còmp: l’era ‘l Mocca; j’ho cuntrulà el culur del maij: jeru griši ma... aj’era propi mé ch’aj’ho vist sa partea ? 

Erano vestiti di grigio, si chiamavano con lo stesso nome ma non potevano essere loro! In tre giorni, un cambiamento così?!? Quelli del Pontedera avevano più del doppio di punti di vantaggio in classifica e il pallone l’hanno visto quando l’ha preso in mano l’artbitro. Beh, là... più o meno dai... Correvano più forte del doppio di prima, non facevano errori, bei passaggi, tiravano anche... non si sapeva più se la difesa era a tre o a sei... Il bello è che non lo sapeva nemmeno il Pontedera..! Alla fine della partita ho controllato i nomi... Sì, sì... erano loro. Ho controllato il campo: era il Mocca; ho controllato il colore delle maglie: erano grigie ma... ero proprio io che ho visto quella partita?