In bel stè citu i l’hon mai scricc (Un bel tacer non fu mai scritto)

30.03.2021 09:10 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
In bel stè citu i l’hon mai scricc (Un bel tacer non fu mai scritto)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Burénna & Michénna

Michénna - Me cara Burenna, aj’ho ‘na poura d’asident ma am son deciša: am fass fè l’iniession per el covid!

Burénna - ‘Me la mai? T’avi dicc che l’Astraveneta l’è da piè col moli, che la po fèt amnì di maquè, che magara... mah...

M. - L’è veira! Per sulé, l’è propi veira ma quondi che la Lucchese l’ha signà con el rigur, aj’ho sentì in calur e frigg al mòn e ai pé; alura am son amsüraja la frev a ajava trontanov. Aj’ho avì poura d’avej el covid vent, ventun e ventidoj. Alura adess a vagg a vaxemi.

B. - A vaxeti? T’vori dì che da no-vax t’ei amnja si-vax?

M. - Uarda! Aj’ho šà ‘l brass bela squatà, aj’ho ammachi d’andè a la Valfrè e lé im fòn la Gionson e po’ ‘ncura Gionson e šà c’aj son am fass dè onchesé ‘na tola ad sira da dè ant’el curidur ad ca’ mea.

B. - Ah, beh, per forsa! A vót dèla an ca’ d’j’ater? Va beh ma pó j’hon paregià e i son andacc fina a sing gol e j’hon vensì e alura?

M. - S’el duissa capitè turna? Mé a sper c’ad no ma t’sai ‘me c’l’è ‘l balón... Uj’è mai niente ad sicürr e ‘na vòta facc el vax, l’è ‘me ‘l morbillo... t’al farrai mai pü. A son cuntenta d’ina ròba: c’l’aba signà Parodi! Gram fió, j’hon dicc adrera qualunque roba ma su j’è jën c’u s’è semper dacc da fè, cur da chì, cur da là e sü e šü... l’è lü! A son propi cuntenta propi per lü!

B. - Con tütt cul ch’j’hon dicc, l’ha fina pers i cavì... l’è armaš bela platà!

M. - Ma va là, se t’ diši..? L’era šà platà prima c’l’amnissa ant’i Grigi!

B. - Aj criavu adrera šà prima? Gram fanciot... Ad sicürr che s’el fissa ‘me Ronaldo u sarreissa nenta chì! A vigti ‘me chi son gram, del vòti, i lissandren? Adess i son bon a dì c’l’è in fenomeno..! Uarda, prima c’la vena voja d’andè onca mé a la Valfrè, lassmi andè a ca’! I tifus i son tücc medešim, j’hon nenta ancur capì c’l’ava rašón Dante: “In bel stè citu i l’hon mai scricc”. A s’avguma sabèt cuén!

M. - At salütt! Ah, uarda che l’iniession i t’ la fòn ant’el brass! Tirti sü la mònja nenta šü l müdòndi!

C’u sciopa ‘l Covid, Ferry

Burina & Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Michina - Mia cara Burina, ho una paura d’accidenti ma mi sono decisa: mi faccio fare l’iniezione per il covid!

Burina - Come mai? Avevi detto che l’Astraveneta è da prendere con le molle, che può farti venire dei malanni, che magari... mah...

M. - È vero! Per quello è proprio vero ma quando la Lucchese ha segnato su rigore, ho sentito un calore e freddo alle mani e ai piedi, allora mi sono misurata la febbre e avevo trentanove. Ho avuto paura di avere il covid venti, ventuno e ventidue. Allora adesso vado a vaxarmi.

B. - A vaxarti? Vuoi dirmi che da no-vax sei diventata sì-vax?

M. - Guarda! Ho un braccio già bel e scoperto, ho solamente d’andare alla Valfrè e lì mi fanno la Johnson e poi ancora Johnson e già che ci sono mi faccio anche dare una latta di cera da dare nel corridoio di casa mia.

B. - Ah, beh, per forza! Vuoi darla in casa d’altri? Va beh ma poi hanno pareggiato e sono andati sino a cinque gol e hanno vinto e allora?

M. - Se dovesse capitare di nuovo? Io spero di no ma sai com’è il calcio... Non c’è mai nulla di sicuro e una volta fatto il vax, è come il morbillo... non lo farai mai più. Sono contenta di una cosa: che abbia segnato Parodi! Povero ragazzo, gli hanno detto dietro qualsiasi cosa ma se c’è uno che si è sempre dato da fare, corri di qui, corri di là e su e giù... è lui! Sono proprio contenta proprio per lui!

B. - Con tutto quello che gli hanno detto, ha persino perso i capelli... è rimasto pelato!

M. - Ma va là, cosa dici..? Era già pelato prima che venisse nei Grigi!

B. - Gli gridavano dietro già prima? Povero ragazzo... Sicuramente, fosse come Ronaldo, non sarebbe qui! Vedi come sono cattivi, a volte, gli alessandrini? Adesso sono capaci di dire che è un fenomeno..! Guarda, prima che venga voglia d’andare anche a me alla Valfrè, lasciami andare a casa! I tifosi son tutti uguali, non hanno ancor capito che aveva ragione Dante: “Un bel tacer non fu mai scritto”. Ci vediamo sabato prossimo!

M. - Ti saluto ! Ah, guarda che l’iniezione te la fanno nel braccio! Tirati su la manica non giù le mutande!

Che scoppi il Covid, Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.