Esi lisòndren (Essere alessandrino)

LEGENDA: ë=pronuncia come per la “eu” francese (es.: biciclëta); é=la “e” di méla; è=la “e” di sette; ó=la “o” di sotto; ò=la “o” di bòtta; ü=pronuncia alla francese (es.: tütt); š=la “s” di rosa
10.12.2019 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Esi  lisòndren (Essere alessandrino)

A son propi cuntent d’esi in lisondren e tifus di Grigi!  Fina ancó. Adess a son cuntent d’esi lisòndrén e... basta. A son pü tifus di Grigi? Massèeee! Onca qund c’a rüšiava con me mama e am mj’ha ciapava oncasé. Dop in quart d’ura, as davu in bašen e tütt l’era finì. El discurs a l’è che a ‘na certa età (ma onca prima, se t’hai ‘na giüsta spetativa) t’pori nenta rešisti des o quenz’ani per vighi cul c’ajuma vist da ‘n bel po’ d’ partej. A suma turna ‘me quenz’ani fa! Onca se t’crei “Forsa Grigi” devi fè andè la servéla e vighi ‘me chi son el robi dabón. T’pori nenta, altrimenti t’ei ammachi ‘na ciula, scondi la testa ant’l’aliam, pardon, sabia!

Sono proprio contento di essere alessandrino e tifoso dei Grigi! Fino ad oggi. Adesso sono contento di essere alessandrino  e... basta. Non sono più tifoso dei Grigi? Massssìììì! Anche quando bisticciavo con mia madre e me  le prendevo anche. Dopo un quarto d’ora, ci davamo un bacino e tutto era finito. Il discorso è che a una certa età (ma anche prima, se hai una giusta aspettativa) non puoi resistere dieci o quindici anni per vedere ciò che abbiamo visto da parecchie partite. Siamo di nuovo come quindici anni fa! Anche se gridi “Forza Grigi” devi mettere in moto il cervello e vedere come stanno le cose davvero. Non puoi, altrimenti sei solamente una ciula, nascondere la testa nel letame, scusate, sabbia!