El cavà d’l’Odissea (Il cavallo dell’Odissea)

03.03.2021 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
El cavà d’l’Odissea             (Il cavallo dell’Odissea)
GrigiOnLine.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Burénna - Ciau Michenna e alura, ta m’avi dicc stamaténna che t’avi da sgürè tücc i paviment a ca’ toa... At tost finì?

Michénna - Séééé! Aj’ho finì vers a ses uri e per ripušemi aj’ho tacà la televišion e cumbinasion aj’ho vist ch’j’eru i Grigi e csé aj’ho uardà la partea... sensa paghè!

B. - Té, per nent paghè, t’ei in fenomeno! T’farreisi qualunque ròba e magari ta t’ei divertia onchesé!

M. - Divertja?!? Um smiava nionca ‘na partea. J’hon facc trei o quater tir an tütt e jën l’è andacc andrenta perché j’hon dacc in rigur, se d’no a ist’ura... turna šeru a šeru!

B. - Grama Michénna! T’avreisi pudì smursè ‘l televišur e drumì an po’, dop avei strügià tütt i dì.

M. - No, no! An certo punto j’hon anquadrà Longo d’avšén e da lé aj’ho capì che l’è nenta ammachi in alenatur ma l’ha onca stüdià l’Odissea e us pó dì che da partea d’balon l’è amnia ‘na trasmision ‘me Superquark. L’ha crià fort cula ròba del cavà d’ligna, ‘me c’us ciama? Am na viš pü...

B. - El cavà ad Tróia! Ma uarda che forse t’hai capì ma’; forse l’era in impruperi c’l’ha crià vers cucdën di Grigi... ancasà ‘me na bestia!

M. - La bestia t’sarrai té che t’hai facc ammachi la tersa elementar dai frà! Se t’vori savei té d’l’Odissea, ad Tróia e d’Ulisse c’l’andava sü e šü da Itaca!!!  ‘Na vòta tònt che an televišion i fòn ‘na lesion d’italiòn, duvrissi esi cuntenta!

B. - Va bén, va bèn ma... se c’u j’entra con la partea? L’è stacia almenu ‘na roba antersonta? Ta t’ei divertja?

M. - Divertia? Ammachi quondi Longo l’ha crià adrera a cula Tróia!

B. - Us pó nent parlé cun té..! T’meriterreisi ad strügè i paviment tücc i dì! Ciau!

Sté a la larga dal Covid, c’l’è mej ! Ferry

Burina e Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Burina - Ciao Michina, mi avevi detto che stamattina avresti dovuto lavare tutti i pavimenti a casa tua... hai quasi finito?

Michina - Sìììì! Ho finito verso le sei e per riposarmi ho acceso la televisione e combinazione ho visto che c’erano I Grigi e così ho visto la partita... senza pagare!

B. - Tu, per non pagare, sei un fenomeno! Faresti qualsiasi cosa e magari ti sei anche divertita!

M. - Divertita?!? Non mi sembrava nemmeno una partita. Hanno fatto tre o quattro tiri in tutto di cui uno è entrato perché c’è stato il rigore, altrimenti a quest’ora... di nuovo zero a zero!

B. - Povera Michina!  Avresti potuto spegnere il televisore e dormire un po’ dopo aver pulito tutto il giorno.

M. - No, no! Ad un certo punto hanno inquadrato Longo da vicino e da lì ho capito che non è soltanto un allenatore ma ha anche studiato l’Odissea e si può dire che da partita di calcio è diventata una trasmissione come Superquark. Ha gridato forte quella cosa del cavallo di legno... come si chiama? Non mi ricordo più...

B. - Il cavallo di Troia! Guarda che forse hai capito male, forse era un improperio che ha gridato verso qualcuno dei Grigi, arrabbiato come una bestia!

M. - La bestia sarai tu che hai fatto solo la terza elementare dai frati! Cosa vuoi sapere tu dell’Odissea, di Troia e di Ulisse che andava su e giù da Itaca!!! Una volta tanto che in televisione fanno una lezione d’italiano, dovresti essere contenta!

B. - Va bene, va bene... ma cosa c’entra con la partita? È stata almeno una cosa interessante? Ti sei divertita?

M. - Divertita? Solamente quando Longo ha gridato all’indirizzo di quella Troia!

B. - Non si può parlare con te..! Ti meriteresti di fregare i pavimenti tutti i giorni! Ciao!

State distanti dal Covid che è meglio! Ferry

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti. Così dicasi per la G.