El Bursalén (Il Borsalino) vedi legenda

LEGENDA: ë=pronuncia come per la “eu” francese (es.: biciclëta); é=la “e” di méla; è=la “e” di sette; ó=la “o” di sotto; ò=la “o” di bòtta; ü=pronuncia alla francese (es.: tütt); š=la “s” di rosa
17.11.2020 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
El Bursalén (Il Borsalino)                    vedi legenda

A Pisseri, c’u s’è facc anvestì da Cusensa perché l’ava nenta rispetà u stop e l’è stacc ‘me andè a finì sut an tir, j’hon facc, nionca an doj minüt, in  capè bionc, quasi ‘me cul ad Pinocchio, facc da Geppetto. U stava propi bén! A l’ho scricc perché j’asistent i son d’j’artista mea da reij! Si fissu nent lur a dèt u spray andó c’ut fa mà... L’è talment šlà che s’it tajeisu la gomba sinistraia, at senti niente et continui a giughè con ‘na gomba sula! Bèn... a diva ad Pisseri che po’, ant’u sgond temp, u s’è gavà el capè perché a l’ava nenta la visiera, dicia onca: palëta. Con la visiera l’avreisa facc cuncurensa a la Bursalén che i capè da purtié uj fava tücc con la palëta; al só perché mé aj’ho travajà propi là, quondi che Bursalén l’era ancura fanciott... Antònt Arrighini l’ha facc doj gol c’me cuj ad serie A. Sabét, col Renate, am fass fè ‘na flebo prima ad vighi la partea e ‘l capè Bursalén am la gnacc fina ans’j’ogg, perché um vén da strenši...

A Pisseri, che si è fatto investire da Cosenza perché non aveva rispettato lo stop ed è stato come andare a finire sotto un tir, gli hanno fatto, neanche in due minuti, un cappello bianco, quasi come quello di Pinocchio, fatto da Geppetto. Stava proprio bene! L’ho scritto perché gli assistenti sono degli artisti mica da ridere! Se non ci fossero loro a darti lo spray dove ti fa male... È talmente gelato che se ti amputassero la gamba ammalorata, non senti nulla e continui a giocare con una gamba sola! Bene... dicevo di Pisseri che poi, nel secondo tempo, si è tolto il cappello perché non aveva la visiera, detta anche: paletta. Con la visiera avrebbe fatto concorrenza alla Borsalino che i cappelli da portiere, li faceva tutti con la paletta; lo so perché io ho lavorato proprio là, quando Borsalino era ancora un ragazzino... Intanto Arrighini ha fatto due gol come quelli di serie A. Sabato con il Renate, mi faccio fare una flebo prima di vedere la partita e il cappello Borsalino me lo schiaccio fin sugli occhi, perché mi viene da stringere...