C’u sciòpa u scatulén d’la magneiša Sanpilegrén! (Che scoppi lo scatolino della magnesia San Pellegrino!)

19.03.2018 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Jacopo Duranti/TuttoLegaPro.com
C’u sciòpa u scatulén d’la magneiša Sanpilegrén! (Che scoppi lo scatolino della magnesia San Pellegrino!)

Nujater a suma famus per i rabatón; cui du Giana per la bergunšóla. Va beh... doj rabatón a suma stacc bón a feij mangè, a u Giana; tic e tac, an dèss minütt. L’è che i Grigi, al post ad früta e verdüra, j’hon mangià doj bei toch ad cul furmagg mol e spüsslent. Pü spüsslent ancura perché u sgónd toch a l’uma mangià al post del duss. Adess, la gurgu, per digerila, per liberetatna an chica manéra, ut tuca piè la vegia magneiša Sanpiligrén. E alura um ven da dì, per sfughemi an po’, cul ch’uj’è šà scricc ant’u titul... Chi ‘nsüma...

Noi siamo famosi per i “rabatón”; quelli del Giana per la gorgonzola. Va beh... due “rabatoni” siamo stati capaci a farli mangiare al Giana; tic e tac, in dieci minuti. Il fatto è che i Grigi, invece di frutta e verdura, hanno mangiato due bei pezzi di quel formaggio molle e puzzolente. Più puzzolente ancora perché il secondo pezzo l’abbiamo mangiato al posto del dolce. Adesso, la gorgo(nzola), per digerirla, per liberartene in qualche maniera, ti tocca prendere la vecchia magnesia San Pellegrino. E allora mi viene da dire, per sfogarmi un po’, quello che è già scritto nel titolo... Qui sopra...