Che sira, l’atra sira! (Che sera, l’altra sera!)

22.05.2018 09:00 di Ferruccio Reposi  articolo letto 304 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport
Che sira, l’atra sira! (Che sera, l’altra sera!)

Absó ch’av diga ista: aj’ho passà tütt la sira, da ott e meša a deš’uri e vent, ad andè sü e šü dal scali per andè a stachè e tachè u scatulén (l’è dabass, ant’la cantenna) d’ila cunession d’Internet...

U sa stacava la linea e avghiva pü in c... El prim gòl e u ters a j’ho nenta vist! A riussiva a vighi doj minitt sé e sing, no! Me mujé a m’ha dicc ch’la va ben acsé, che se a fass el scali con cula frequensa, l’è la vota bonna ch’a perd doj o trej chilu. Adess a digg pü niente, a specc a parlè giuedì matenna a bunura...

Bisogna che vi dica questa: ho passato tutta la sera, dalle otto e mezza alle dieci e venti, ad andare su e giù dalle scale a staccare e attaccare lo scatolino (è al piano inferiore, in cantina) della connessione Internet...

Si staccava la linea e non vedevo più un c... Il primo gol e il terzo non li ho visti! Riuscivo a vedere due minuti sì e cinque, no! Mia moglie mi ha detto che va bene così, che se faccio le scale con quella frequenza, è la volta buona che perdo due o tre chili. Adesso non dico più niente, aspetto a parlare giovedì mattina presto...