Che cubia! (Che coppia!)

15.12.2020 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Che cubia!                                          (Che coppia!)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

L’atra vòta aj’ho scricc che u siur Pisseri l’ava nionca tucà ‘n balón; l’andava a pièli quondi l’era tacà la raminà, per purteli turna an còmp e che quindi el pudiva nent pretendi u stipendi. Stavòta, anveci, j devu dè l’anticip d’in meis perché se ‘l só amis Eusepi l’ha tracc andrenta la bala, lü l’ha nenta lasaja entrè in mügg ad vòti. Che cubia j’hon facc tücc e doj. E po’ l’è storia da tücc i dì ch’el basta fèni jën pü che j’ater!!! Se cullà l’ha pià la traversa, nujater se c’a puduma feij??? L’ünic ch’el po’ fè gol l’è chi c’u tira..! La traversa l’è ’me tirè fóra o no? It dòn nionca mèš poncc an clasifica se t’ciapi la traversa. A só nenta se Eusepi l’ha mirà la traversa e u s’è sbaglià, tròndla andrenta.. !

A s’avguma turna.

L’altra volta ho scritto che il signor Pisseri non aveva nemmeno toccato un pallone; andava a prenderlo quando era vicino alla rete metallica, per portarlo di nuovo in campo a che quindi non poteva pretendere lo stipendio. Stavolta, invece, glielo devono anticipare di un mese perché se il suo amico Eusepi ha buttato dentro la palla, lui non l’ha lasciata entrare parecchie volte. Che coppia hanno fatto tutti e due. E poi è storia di tutti i giorni che basta farne uno più degli altri!!! Se quello ha preso la traversa, noi cosa possiamo fare??? L’unico che può fare gol è colui che tira..! La traversa è come tirare fuori o no? Non ti danno nemmeno mezzo punto in classifica se colpisci la traversa. Non so se Eusepi ha mirato la traversa e si è sbagliato, buttandola dentro..!

Ci vediamo di nuovo.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.