Burénna e Michénna (Burina e Michina)

23.02.2021 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Burénna e Michénna                  (Burina e Michina)
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Burénna – Ciau Michenna, ancó t’smej el doj d’nuember col nüuli basi! Se c’u t’è capità?

Michénna – Eeeehhh, me cara Burénna a son anrabiaia perché che i Grigi j’hon turna fac mècc pari onca l’ültima vòta!

B. – E se chi j’avreissu duì fè si fanciott? Massè l’aversari?

M. – Ma che massè e massè... J’avreisu duì vensi per pudei andè sü se d’no i vòn sü j’ater e ‘l President l’ha speiš in mügg ad sold per pudei andè an B!

B. – Mah, t’al sai che mé, ad balón, a na só niente... E perché, šà c’u j’era, l’ha nent facc ‘na roba per pudei andè sübit an A? Gavà ‘l dencc, gavà ‘l dulur! 

M. – T’ei propi in urgionna, neeehhh! Ma té, dop la prima elementar, t’ei andacia an sgonda o sübit an quinta?

B. – Se ca na só mé, a son stacia buciaja e aj’ho turna facc la prima!

M. – Va beh, lasuma perdi va là... L’è che i duivu tirè an porta e j’hon mai facc in tir c’us posa ciamè tir.

B. – Se t’at sagrenni da fè? Ciamli ‘me t’ vori ma... i m’hon dicc ch’el basta trè ‘l balón an meš a cui trei pà bionch e lur i l’hon nent facc? Us vig ch’javu nenta el permess per fèli, grami fanciott! 

M. – Uarda Burénna ta m’hai facc amnì mà la testa coi tó discurs ! Va, va a ca’ a leši in manual ad balón; magari, la prosima vòta, a pudruma parlè uardondsi ant’j’ogg sensa piè ‘l vucabulari per capissi jënna con l’atra! Antònt mé aj’ho da sgagemi perché aj’ho ‘l gat ans’el fó. Ciao, Burénna, salütmi cul gram’omi ad tó marì..!

B. – Ciao Michénna, sta bén! A só nenta sa poss salüteti me marì; jer sira l’è andacc a crumpè ‘l sigarëti e l’è ancur d’amnì a ca’ adess... ‘Penna c’al vig at la salütt con in pugn ant’in’ogg!

Av strenš la mòn, Ferry

Burina e Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Burina – Ciao Michina, oggi sembri il due di novembre con le nuvole basse! Cosa ti è successo?

Michina – Eeeehhhh, mia cara Burina sono arrabbiata perché i Grigi hanno di nuovo pareggiato anche l’ultima volta!

B. – E cosa avrebbero dovuto fare quei ragazzi? Ammazzare l’avversario?

M. – Ma che ammazzare e ammazzare... Avrebbero dovuto vincere per poter andare su altrimenti vanno su gli altri e il Presidente ha già speso un mucchio di soldi per andare in B!

B. – Mah, lo sai che io, di calcio, non ne so niente... E perché, già che c’era, non ha fatto una cosa per poter andare subito in A? Tolto il dente, tolto il dolore!

M. – Sei proprio dura di comprendonio, neeehh! Ma tu dopo la prima elementare, sei andata in seconda o subito in quinta?

B. – Cosa ne so io, sono stata bocciata e ho fatto di nuovo la prima!

M. – Va beh, lasciamo perdere va là... È che dovevano tirare in porta e non hanno mai fatto un tiro che si fosse potuto chiamare tiro.

B. – Cosa ti preoccupi da fare? Chiamalo come vuoi ma... mi hanno detto che basta buttare il pallone in mezzo a quei tre pali bianchi e loro non l’hanno fatto? Si vede che non avevano il permesso di farlo, poveri ragazzi!

M. – Guarda Burina mi hai fatto venire il mal di testa con i tuoi discorsi! Vai, vai a casa a leggere un manuale di calcio; magari la prossima volta potremo parlare guardandoci negli occhi senza prendere il vocabolario per capirci una con l’altra! Tanto io devo sbrigarmi perché ho il gatto sul fuoco (tipica espressione per indicare una faccenda da sbrigare con grande premura). Ciao Burina, salutami quel pover’uomo di tuo marito..!

B. – Ciao Michina, sta bene. Non lo so se posso salutarti mio marito; ieri sera è andato a comperare le sigarette e non è ancora tornato a casaadesso...Appena lo vedrò te lo saluterò con un pugno in un occhio!

Vi stringo la mano, Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti. Così dicasi per la G.