Bén o ma’... se c’um n’an fa?!? (Bene o male... cosa me ne importa?!?)

08.12.2020 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Bén o ma’... se c’um n’an fa?!? (Bene o male... cosa me ne importa?!?)
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Onca ‘sta vòta uj’è semper cucdën c’l’ha da dì: “Eh va ben... però cullà l’era trop andrera... l’ater trop anon... i smiavu cui d’la parocchia... s’ui fissa stacc u su... s’ui fissa stacc la fioca...”. A mé, um basta che coi pé, col c..., ad snugg, con cul che t’vori, i fassu gol, almeno jën pü che j’ater. Poncc per poncc’ ui po’ amnì fora ‘na cruata o ‘na maia; basta c’la sea nenta ‘na savata! Aiuma vist che Cušensa l’ha pruà a vighi se Pisseri l’era svigg o no... L’era svigg aterchè! L’ha ancura ma’ i brass adess per piè sa bala..! Pisseri l’era ans’el comp, an meš ai pa’ ma stavòta j darròn mea d’ stipendi; l’ha facc propi poc; se t’hai ciami ad che culur l’era ‘l balon, chissà se c’u t’ rispond. E Arrighini? I dišu che i giugadur i peiu trop sold; per forsa, Arrighini l’ha fina facc gol da setà! L’è comuda travajè acsé!!!

Anche questa volta c’è sempre qualcuno che ha da dire: “Eh, va bene... però quello era troppo indietro... l’altro era troppo avanti... sembravano quelli della parrocchia... se ci fosse stata la neve...”. A me basta che con i piedi, con il c..., di ginocchio, con quello che vuoi, facciano gol, almeno uno più degli altri. Punto per punto, può uscirne una cravatta o una maglia; basta che non sia una ciabatta! Abbiamo visto che Cosenza ha provato a vedere se Pisseri era sveglio o no... Era sveglio altroché! Ha ancora male alle braccia adesso per prendere quel pallone..! Pisseri era sul campo, in mezzo ai pali ma stavolta non gli daranno lo stipendio; ha fatto proprio poco; se gli chiedi il colore del pallone, chissà cosa ti risponde. E Arrighini? Dicono che i giocatori prendono troppi soldi; per forza, Arrighini ha persino fatto il gol da seduto! È comodo lavorare così!!!

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.