Bataja o guera? (Battaglia o guerra?)

28.04.2021 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Bataja o guera?                      (Battaglia o guerra?)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Per adess ajuma pers in’ucašion, ajuma pers ‘na bataja, nenta la guera. Per aussè bandiera bionca, spiciuma ancura in meis. A vigherruma. Mé aj’ho šà ‘l curté an meš ai dencc e in basuka a spala! In mitra a l’ho šà urdinà da Amašon: con “prime”, um riva admòn!!! A voi vighi mé chi c’l’ha ìl curagi d’amnimi a suta. Onca sa j’ho 75 ani!! Per i Grigi a n’aj’ho 25..! A ven in lion, onsi... in urs... con ‘na pel c’la custa cara. ‘Na pel c’l’ha nenta presi! E pó fra vent dì onca ‘l covid l’avrà mulà lé d’rompi ‘l bali a dricia e a snistra. Onca ista l’è veira: t’pori nenta giughè beato e tranquil se t’sai d’avei in verm sulitari ant’el bueli! A dig ancura in afari: adess el covid, a son sicürr, l’andrà a tachesi a la sfiga perché uramai, nujater, ajuma facc ‘me l’ bëci... l’imunità ad gregge! Uj ‘na sarrà pü per antzën!!!

Per adesso abbia perso un’occasione, abbiamo perso una battaglia, non la guerra. Per alzare bandiera bianca, aspettiamo ancora un mese. Vedremo. Io ho già il coltello in mezzo ai denti e un bazooka in spalla! Un mitra l’ho già ordinato su Amazon: con “prime”, mi arriva domani!!! Voglio vedere chi ha il coraggio di fronteggiarmi. Anche se ho 75 anni! Per i Grigi ne ho 25..! Mi trasformo in un leone, anzi... un orso... con una pelle che costa cara. Una pelle che non ha prezzo! E poi fra venti giorni anche il covid avrà mollato di rompere le balle a destra e a sinistra. Anche questo è vero: non puoi giocare beato e tranquillo se sai di avere un verme solitario nell’intestino! Dico ancora una cosa: adesso il covid, ne sono sicuro, andrà ad attaccarsi alla sfiga perché ormai, noi, abbiamo fatto come le pecore... l’immunità di gregge! Non ce ne sarà più per nessuno!!!

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.