Ajuma adrissà la Tur! (Abbiamo raddrizzato la Torre!)

Note: vocali con accento acuto (es.: é, ó) sono chiuse: méntre, mólto; con accento grave (es.: è, ò) sono aperte: rèsta, pòsta; ü="u" francese: pü; ë="eu" francese: biciclëta; š=“s” di “rosa”
12.03.2018 09:00 di Ferruccio Reposi  articolo letto 550 volte
Ajuma adrissà la Tur! (Abbiamo raddrizzato la Torre!)

Antònt i son ëndess parteij ad campiunà c’a na perduma nionca jënna; ajuma facc ventinov poncc ansüma ad trontatrej a dispušision! E parluma nent d’la cupa se d’no a la finiss pü. Mé mama, da fanciot, um criava adrera: “Dì nenta che ‘na roba l’è dificila e s’l’è dificila... té daj andrenta, daj andrenta pü che t’pori e t’vigherrai che...”. La finiva nenta ad parlé perché u m’era šà rivà in sgiafuton ans’el mur ma ist l’è in atr’afari. Lur, i Grigi, j’hon dacc andrenta e daj e daj, daj e daj, a la fén, l’è andacc andrenta onca el balón e onca Fischnaller ma... ammachi per vighi se ‘l balón l’era sgionf perché i n’ajavu šà cambià jën ant’el prim temp: l’era bugià me ch’us fa col cutghen prima d’fel cóši. Acsé, cula grama tur, che per noi l’era pü storta ad cul ch’lè, la s’è ardrisaja. Devi dej andrenta, sicürr! ‘Me ch’udiva Locardi: “In serpent, per cit ch’u sea, al’è nenta ‘na sausissa, quond t’al tuchi, lü u s’ardrissa!”.

Intanto sono undici partite di campionato che non ne perdiamo neanche una; abbiamo fatto ventinove punti su trentatré a disposizione! E non parliamo della coppa, altrimenti non la finisco più. Mia mamma, quando ero ragazzino, mi rimproverava: “Non dire che una cosa è difficile ma se anche lo fosse tu insisti, persisti più che puoi e vedrai che...”. Non finiva di parlare perché mi era già arrivato uno schiaffone sulla faccia ma questa è un’altra cosa. Loro, i Grigi, hanno insistito e “dai e dai, dai e dai”, alla fine, è entrato anche il pallone e anche Fischnaller ma... solamente per vedere se il pallone era gonfio (gonfio e sgonfio = sgionf) perché ne avevano già cambiato uno nel primo tempo: era bucato come si fa con il cotechino prima di farlo cuocere. Così, quella povera torre, che per noi era più storta di quel che è, si è raddrizzata. Devi insistere, sicuramente! Come diceva Locardi: “Un serpente, per piccolo che sia, non è una salciccia, quando lo tocchi lui s’addrizza!”.