A vigti ‘me chi curu? (Lo vedi come corrono?)

06.04.2021 11:17 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
A vigti ‘me chi curu?         (Lo vedi come corrono?)
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Burenna & Michenna

Burenna - T’al sai Michenna che acmens a capì cuccoša ad balon? 

Michenna - T’avi spicè ‘ncura ‘n po’!  A mument l’è finì ‘l campiunà!

B. - Ognidën l’ha i só temp per amparè. Mé, prima, aj’ho duì capì qual c’l’è ‘l comp... i m’hon dicc c’l’è cula roba verda... dop... chi giogu con in balon sul che onca si rüsiu per pieli, el va ben medešim... eehhh té t’fai šgagià, té che t’al sai šà; l’è comuda... Adess aj’ho fina amparà chi c’l’è Eusepi!!!

M. - Ta t’l’ej piaja dusa! E alura, con Eusepi ‘me c’la bituma?

B. - L’è jën che contra la Juve, an bel mument, l’ha capì ch’el balon u duiva rivè ant’l’ünic meter quader liber c’u j’era ant l’area andó ch’j’eru gnacà ‘me j’anciüuj e... tac... l’è rivà ‘m’en falchët e u l’ha ‘nfilà andó c’us fa gol!!!

M. - Am cumpliment dabon! Adess t’ei n’esperta quasi ‘me Barendson o Brera. E dim an po’, t’avrai onca vist che adess l’è pü c’me prima: i curu ‘me ‘l cavalëti! Parodi l’ha bütà i frenu a disc per fermesi, se d’no i vòn a pieli an spalto Rovereto!

B. - A l’ho vist ad sicürr... l’andava talmen fort che ‘na vòta l’ha anfilà el rastè ch’j’avu smentià druert, cul c’l’è ronda ‘l parterre da la part d’la turëta, l’ha facc tütt u gir atur al comp e l’ha ciamà a in steward andó c’uj fissa stacc in bankomat e la facc a temp a rivè an meš al comp prima che Pisseri l’eissa facc u rinvio!

M. - Uarda Burenna... l’è mej che la sira t’vighi pü Walker Texas Ranger perché um sa che t’fai an po’ d’ confüšion tra in cavà e ‘na portaerei... Va, va a cà a drumì ‘n po’ che t’hai d’absogn ad crujeti ant’in lecc ortopedico.

B. - T’hai rašón... d’ogni tònt aj’ho la vista c’la va a fèsi ‘na gira ai baracón.

M. - Ošààà! El baracón di specc, ciau!

Av salütt ‘me jën c’u tén per i Grigi, voster Ferry.

Burina & Michina (due comari, due popolane alessandrine)

Burina - Lo sai Michina che comincio a capire qualcosa di calcio?

Michina - Avevi da aspettare ancora un po'! A momenti è finito il campionato!

B. - Ognuno ha i suoi tempi per imparare. Io, prima, ho dovuto capire qual è il campo... mi hanno detto che è quella roba verde... dopo... che giocano con un pallone solo che anche se bisticciano per prenderlo, va bene lo stesso... eeehhh tu fai presto, tu che sai già, è comodo... Adesso ho persino imparato chi è Eusepi!!!

M. - L’hai presa con comodo (dolce, dolcemente)! E allora con Eusepi come la mettiamo?

B. - È uno che contro la Juve, ad un certo momento, ha capito che il pallone avrebbe dovuto arrivare nell’unico metro quadro libero che c’era nell’area dove erano schiacciati come le acciughe e... tac... è arrivato come un falchetto e l’ha infilato dove si fa gol!!!

M. - Mi complimento davvero! Adesso sei un’esperta quasi come Barendson o Brera. E dimmi un po’, avrai anche visto che adesso non è più come prima: corrono come delle cavallette! Parodi ha messo i freni a disco per fermarsi, altrimenti lo vanno a prendere in spalto Rovereto!

B. - L’ho visto di sicuro ... andava talmente forte che una volta ha infilato il cancello che avevano dimenticato aperto, quello che è vicino al parterre dalla parte della torretta, ha fatto tutto il giro attorno al campo e ha chiesto a uno steward dove fosse un bancomat e ha fatto in tempo ad arrivare in mezzo al campo prima che Pisseri facesse il rinvio !

M. - Guarda Burina... è meglio che la sera tu non veda più Walker Texas Ranger perché mi sa che tu faccia un po’ confusione tra un cavallo e una portaerei... Vai, vai a casa a dormire un po’ che hai bisogno di coricarti su di un letto ortopedico.

B. - Hai ragione... ogni tanto ho la vista che va a farsi un giro ai baracconi.

M. - OH giààà! Il baraccone degli specchi, ciao!

Vi saluto come uno che tifa per i Grigi, vostro Ferry.

LEGENDA: ë = pronuncia come per la “eu” francese, ovvero come per biciclëta, caussëtt (calza, calzino), tirët (cassetto); é = la “e” di méla; è = la “e” di sette; ó = la “o” di sotto; ò = la “o” di bòtta; ü = pronuncia alla francese, ovvero come per tütt (tutto); brütt (brutto); š = la “s” di rosa; s = suora, sorella, Sassari. c = in finale di parola come in “poc”, cioè poco; ripetuta due volte come in “tücc”, cioè tutti.