Lecco, Gaetano D’Agostino: “Vittoria dal sapore particolare...”

08.10.2020 10:00 di Redazione GrigiOnLine   Vedi letture
Gaetano D'Agostino
© foto di Uff. Stampa Lecco
Gaetano D'Agostino

Il Lecco batte con merito l’Alessandria ed il tecnico bluceleste Gaetano D’Agostino, ex di turno, prova a godersi la prestazione dei suoi rispondendo alle domande dei giornalisti in sala stampa.

C’e sempre qualcosa da migliorare. Noi dobbiamo imparare a chiudere le partite. Nulla da dire su come hanno interpretato la gara i ragazzi e per come l’hanno preparata. In una partita ci sono tante facce, ma abbiamo sempre tenuto alta la pressione. Se, poi, andiamo a vedere le occasioni da gol credo che non ci sia stata partita. Ora bisogna azzerare tutto e dedicarci al derby di domenica a Como. Cambi nella formazione iniziale? Per me sono tutti importanti ed ho scelto quelli che credevo giusti per questa partita. Cerco di far giocare tutti per tenere alta l’intensità, ho una grande rosa a disposizione e provo a farli rendere al meglio”.

Alessandria che ha trasformato l’unica vera occasione che ha avuto. “Oggi abbiamo incontrato una squadra che dovrebbe vincere il campionato a mani basse e le abbiamo concesso solo un tiro. Certo, fosse finita 1-1 staremmo parlando di altro. Ma noi, a quel punto della partita, potevamo avere un margine molto più largo e non ci sarebbe stato nulla da dire”.

Per il tecnico, comunque, non era una partita come le altre.“Sono sincero, per me questa vittoria ha un sapore particolare. Ognuno ha qualche sassolino da togliersi. È una soddisfazione e ringrazio sempre la famiglia Di Nunno perché mi dà la possibilità di lavorare, che è ciò che io voglio fare. Senza polemica, ad Alessandria ho vissuto un periodo storico nel quale non tutto era rose e fiori, perciò ho sofferto il fatto di non poter lavorare. Qui ho la possibilità di farlo e sono contento per questa vittoria”.

Ora l’obiettivo del Lecco sembra chiaro... “Ho scelto questa professione perché voglio vincere. Dobbiamo acquisire ancora qualche consapevolezza. Ma di certo non abbiamo attrezzato la squadra per la salvezza, piu di questo, però, non posso dire. C’è l’ambizione, ma dobbiamo rimanere umili. Le squadre che vincono hanno l’umiltà al primo posto, perciò dobbiamo mettere un mattoncino alla volta”.