Sei anni di Luca e con Luca

06.02.2019 18:59 di Federico Capra Twitter:    Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Sei anni di Luca e con Luca

Sì, ce ne eravamo assolutamente dimenticati. Lo ammettiamo, ci cospargiamo il capo di cenere e... andiamo avanti. Avanti nel raccontare il bello e il brutto dei grigi. Di questa squadra, come ricorda una nota apparsa sul sito dell'Alessandria, che sei anni fa è diventata di Luca Di Masi: "6 anni passati in un lampo, con l’impegno costante a costruire tutti insieme una società competitiva, forte e organizzata, nel segno di una storia in cui scrivere pagine sempre più ricche e trascinanti. Da qui a sempre".

Sei anni, aggiungiamo noi, passati tra gioie e dolori, come si suol dire. Ma soprattutto incazzature per aver visto sfumare proprio all'ultimo quei traguardi a lungo desiderati (tanto dalla dirigenza quanto dai tifosi). Anno dopo anno, però, i desideri si sono trasformati in sogni infranti. Di positivo c'è il raggiungimento della permanenza nella C unica con Luca D'Angelo alla guida dei grigi e la Coppa Italia di categoria vinta con Michele Marcolini. Ovvio poi c'è la finale promozione persa con il Parma e la semifinale di Coppa Italia (quella dei grandi) persa con il Milan.

Ma è anche vero che, senza Di Masi, non ci sarebbe nulla di nulla. Nulla per cui gioire e nulla per cui sagrinare. Vero, quando l'odore del banchetto arriva alle narici ma svanisce alla prima folata di vento le scatole girano non poco. Però, a volte, va anche bene così. Soprattutto vista la situazione attuale della serie C con tante, anche troppe, squadre sull'orlo del fallimento e pronte a sparire.

E allora grazie presidente. Grazie, nonostante tutto.