Alessandria-Brescia 1-3, le pagelle dei grigi di Longo

11.09.2021 18:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:    vedi letture
Alessandria-Brescia 1-3, le pagelle dei grigi di Longo
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

L’Alessandria torna a giocare una gara di serie B al ‘Moccagatta’ ma esce sconfitta (leggi anche Alessandria-Brescia 1-3, un tempo non basta ai grigi puniti dai propri errori). Queste le nostre pagelle.

Pisseri 6,5: splendido su Lèris nel primo tempo e su Cistana nella ripresa, sembra un po’ sorpreso in occasione del gol di Jagiello.

Mantovani 6: Tramoni è un pessimo cliente che lo tiene sempre sulla corda. Buone diagonali, ma anche qualche ingenuità che non si rivela comunque decisiva (dal 71’ Celesia 5,5: pare ancora un po’ troppo acerbo per gli standard del campionato cadetto).

Di Gennaro 5,5: il livello degli avversari si è notevolmente alzato rispetto alla scorsa stagione e lui ne risente, forse anche un po’ troppo, commettendo anche qualche leggerezza nella prima fase di gara. Pare crescere in sicurezza alla distanza, ma l’errore che commette in occasione del raddoppio ospite è da matita blu.

Parodi 6: combatte con impegno e si prende anche qualche licenza in chiave offensiva nella prima frazione durante la quale sono davvero poche le sbavature. Come i compagni cala nella ripresa e il pasticcio che combina nei minuti di recupero incide sul punteggio finale ma non sull’esito di una gara ormai segnata.

Mustacchio 6: nel primo tempo copre con profitto tutta la fascia servendo anche interessanti palloni per i compagni. La luce si spegne dopo l’intervallo ed il suo voto finale, in fondo, non è altro che la media di quanto fatto vedere nei due tempi.

Casarini 6,5: molto positivo sia in interdizione che in fase di costruzione, con giocate che ne esaltano le doti tecniche. Anche lui perde qualche colpo nella ripresa e si lascia trascinare nelle sabbie mobili.

Bruccini 6: buon filtro a centrocampo e qualche interessante sortita offensiva  bilanciano l’affanno nella seconda parte di gara (dal 61’ Milanese 5,5: fatica un po’ troppo ad entrare in partita, anche se il suo ingresso avviene nel momento peggiore peri i grigi).

Beghetto 6: lavora sulla propria fascia di competenza provando a limitare gli errori in copertura e proporre qualche interessante suggerimento per le punte. Di fatto si limita al proprio compitino (dal 61’ Lunetta 6: le ottime doti fisiche lascerebbero attendere un impatto più significativo a partita in corso)

Chiarello 6: tenta di sopperire con il dinamismo al gap tecnico che paga nei confronti degli avversari. Finchè ha fiato, comunque, non demerita (dal 61’ Orlando 6: interessanti iniziative, da un suo cross nasce il gol che riaccende le speranze dei grigi)

Corazza 6: non è abbastanza pronto in apertura di gara, quando non trasforma una favorevolissima occasione. Forse si demoralizza un po’ ed è troppo spesso sovrastato dalla difesa bresciana, eccezion fatta per l’occasione che non concretizza nel recupero del primo tempo. Tanto bravo quanto fortunato in occasione della rete che lo riporta provvisoriamente in vetta alla classifica cannonieri gli fa meritare una stiracchiata sufficienza.

Palombi 5: sostanzialmente annullato dalla difesa di mister Inzaghi, si vede in una sola occasione quando non inquadra la porta da posizione molto favorevole (dal 71’ Marconi 6: pur non ancora al meglio, dimostra l’importanza che può avere nell’economia realizzativa dei grigi quando svetta su tutti in occasione della rete di Corazza). 

All. M. Longo 5,5: l’approccio alla gara, contro un avversario di livello assoluto, è buono, segno che l’impegno è stato preparato nei dettagli. Non si capisce cosa sia successo nell’intervallo, dopo il quale la squadra rientra in campo scarica dal punto di vista nervoso oltre che particolarmente generosa nei confronti degli avversari con marchiani errori che spianano la strada la Brescia.