Pisa-Alessandria, ecco dove giocheranno i grigi

09.03.2018 10:00 di Fabrizio Pozzi  articolo letto 121 volte
L'Arena Garibaldi di Pisa
© foto di Tommaso Maschio
L'Arena Garibaldi di Pisa

Lo stadio ‘Arena Garibaldi-Romeo Anconetani’ sorge sull’area adibita fin dal 1807 ad anfiteatro e ippodromo per manifestazioni di vario genere. Dal 1919, quando il terreno fu acquistato della società calcistica di Pisa, è stato destinato ad ospitare le partite di calcio pur senza gradinate fisse. Nel 1931 il comune della città toscana, intanto divenuto proprietario dell’area, installò una prima tribuna coperta e gradinate in legno. Alla fine degli anni ’50 fu costruita la curva Nord, settore dei tifosi di casa, mentre nel 1968 la struttura venne completata con la curva Sud. L’ultima ristrutturazione, che seguì quelle del 1978 e 1982, risale agli anni ’90 e portò la capienza dell’impianto a 25.000 spettatori. Dopo un periodo di inutilizzo, conseguente al fallimento del club nerazzurro, alla fine degli anni ’90 lo stadio è tornato ad ospitare le gare del Pisa. Il 9 dicembre 2001, poi, lo stadio è stato co-intitolato allo storico presidente nerazzurro Romeo Anconetani e da allora l'impianto è appunto denominato ‘Arena Garibaldi - Stadio Romeo Anconetani’.

Oggi lo stadio si compone di cinque settori: curva Nord ‘Maurizio Alberti’, curva Sud (settore ospiti), gradinata ‘Gianluca Signorini’, tribuna coperta superiore ed inferiore, con una capienza complessiva di 14.869 posti a sedere.