Cristiano Scazzola: “Buon punto, per come eravamo messi”

13.01.2020 10:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Cristiano Scazzola
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Cristiano Scazzola

Un’Alessandria incerottata riesce ad ottenere il pareggio in rimonta con la Carrarese (leggi anche Alessandria-Carrarese 2-2, il gol di Eusepi regala il primo punto del 2020). Al termine del match, in conferenza stampa, il tecnico dei grigi Cristiano Scazzola, ha commentato così.

Non c’era Cambiaso, avevamo diversi ragazzi, Castellano, Suljc, Gerace, M’Hmasi e Gilli con la febbre, Gazzi che ha dato forfait all’ultimo momento, Cosenza squalificato. Per come eravamo messi ci siamo presi anche il rischio di far entrare Eusepi e Prestia che si erano allenati con noi dopo due mesi e mezzo. Fortunatamente tutto è andato bene, chi ha giocato e chi è subentrato ha dato tutto. Certamente potevamo gestire meglio dopo essere passati in vantaggio, comunque loro sono un’ottima squadra. Hanno avuto occasioni, così come le abbiamo avute noi, credo il pareggio sia giusto. Dopo essere passati in svantaggio abbiamo avuto occasioni con Sartore, con M’Hamsi e poi con Chiarello nel primo tempo. La gara è stata giocata a viso aperto, e per come eravamo messi il risultato va bene. Sabato prossimo speriamo di avere al meglio coloro i quali erano influenzati, Prestia ed Eusepi avranno una settimana in più di lavoro, ritroveremo Cosenza e poi speriamo che arrivi qualcosa nei ruoli che sappiamo. Reazione? Questa è una squadra che ha sempre avuto carattere e nella partita di oggi abbiamo commesso qualche ingenuità, ma pviste le condizioni alcuni si sono adattati in ruoli non propri. Casarini? È al rientro, ed in settimana non era in buone condizioni, ma fortunatamente è riuscito a finire la partita. Ora può solo crescere. Il centrocampo era l’unico reparto del quale eravamo tranquilli prima della partita, invece l’unico sano, alla fine, era proprio Casarini. Comunque non volevamo perdere la partita ed abbiamo rischiato Eusepi e Prestia. Arrighini ormai era stanco ed in attacco ci era rimasto solo Eusepi, visto che Pandolfi ed Akammadu non erano disponibili”.