Alessandria-L.R. Vicenza, le probabili formazioni in campo alle 20.30

06.05.2022 16:30 di Redazione GrigiOnLine   vedi letture
Alessandria-L.R. Vicenza, le probabili formazioni in campo alle 20.30
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Tutto in una notte, o quasi, per quanto riguarda la permanenza nella serie cadetta. Con questo spirito Alessandria e L.R. Vicenza approcciano la 38^ ed ultima giornata del campionato di serie B che le vedrà di fronte questa sera allo stadio ‘Moccagatta’ con calcio d’inizio alle 20.30. L’incontro proporrà verdetti più o meno definitivi anche in funzione dell’esito dell’altro match che coinvolge la terza squadra in corsa per la salvezza, ossia il Cosenza che in contemporanea ospita il Cittadella. Le ipotesi in campo (leggi anche Volata a tre per la salvezza. Tutti gli scenari possibili) rendono particolarmente elettrizzante la sfida e la risposta del pubblico è stata assolutamente adeguata con il ‘Moccagatta’ che farà registrare praticamente il tutto esaurito. Le due squadre arrivano a questo appuntamento dopo importanti risultati (8 punti nelle ultime quattro partite per i grigi, due vittorie consecutive per i biancorossi) a testimonianza del fatto che entrambe possono credere nell’impresa. Nella gara d’andata, giocata al ‘Menti’ il 30 gennaio scorso (fu il recupero della partita in programma il giorno di Santo Stefano rinviata per Covid), il L.R. Vicenza vinse per 2-1 grazie ad una doppietta di Diaw cui rispose la rete messa a segno da Chiarello.

Alessandria - Non ci sono novità tra i convocati in casa grigia, con Kolaj e Mattiello ancora fuori insieme agli altri lungodegenti. Dal punto di vista tattico mister Longo si affiderà al consueto 3-4-3 declinandolo in funzione degli interpreti che saranno prescelti. A difesa dei pali ci sarà Pisseri ed il reparto arretrato sarà condotto da Di Gennaro che si sistemerà in mezzo affiancato da Prestia e Parodi, anche se non sono da trascurare altre opzioni come l’impiego di Mantovani o Coccolo. Non mancano le possibilità in mediana dove Casarini e Milanese sembrano i candidati a vestire le due maglie da titolare ma Gori, Ba e, eventualmente, Barillà, sono comunque nella condizione di fornire il proprio contributo. Quasi scontate le scelte sulle fasce che saranno presidiate da Pierozzi, quasi certamente preferiferito a Mustacchio, a destra, e Lunetta a sinistra. Al centro dell’attacco ci sarà Marconi che farà reparto con Chiarello e Corazza mentre Palombi e Fabbrini potrebbero tornare utili a gara in corso.

L.R. Vicenza - Nelle fila biancorosse si registra il definitivo recupero di Bikel e Greco, ma pesa l’assenza di Crecco. Mister Baldini potrebbe insistere sull’assetto che ha consentito di vincere le ultime due gare e che prevede la difesa a tre. In porta ci sarà Contini, ristabilito dopo quanto accaduto durante la partita di sabato scorso con il Lecce. L’ipotesi più concreta riguardo il pacchetto difensivo è la conferma di Brosco, De Maio e Bruscagin ma non si possono escludere alternative come l’utilizzo di Padella al posto di quest’ultimo. A centrocampo sarà Bikel a fare coppia con Cavion mentre Maggio, a destra, e Lukaku, a sinistra, completeranno il reparto. I maggiori indiziati per cominciare l’incontro a supporto della prima punta Diaw sono Ranocchia e Da Cruz, soluzione che permetterebbe di utilizzare Meggiorini, comunque non al meglio, Giacomelli o Greco durante il match.

Queste le probabili formazioni in campo alle 20.30

Alessandria (3-4-3): Pisseri; Prestia, Di Gennaro, Parodi; Pierozzi, Casarini, Milanese, Lunetta; Chiarello, Marconi, Corazza. A disp. Crisanto, Cerofolini, Coccolo, Gori, Ba, Benedetti, Ariaudo, Fabbrini, Mustacchio, Barillà, Palombi, Mantovani. All. M. Longo.

L.R. Vicenza (3-4-2-1): Contini; Brosco, De Maio, Bruscagin; Maggio, Bikel, Cavion, Lukaku; Ranocchia, Da Cruz; Diaw. A disp. Grandi, Zonta, Giacomelli, Pasini, Padella, Boli, Cappelletti, Greco, Dalmonte, Cester, Meggiorini, Teodorczyk. All. F. Baldini.

Arbitro: Chiffi di Padova (Alassio-Di Vuolo. IV Ufficiale Galipò. VAR Fourneau, AVAR Lo Cicero).