Andrea Pastore, il duttile della fascia

21.07.2017 08:30 di Federico Capra Twitter:    Vedi letture
© foto di Fabrizio Pozzi
Andrea Pastore, il duttile della fascia

È stato il primo acquisto di Pasquale Sensibile all'Alessandria. Un rinforzo necessario per riempire quel vuoto lasciato sulle fasce dall'addio di Luca Barlocco e Gianni Manfrin. Ma Andrea Pastore, nato il 14 giugno 1994 ad Acquaviva Delle Fonti, un paesone di 20 mila anime nell'entroterra barese, è molto più che un semplice terzino. Già perché il 23enne, nell'ottica perversa della nuova serie C considerato un Over, è capace di ricoprire tutti i ruoli della fascia sinistra. Un profilo interessante ed estremamente duttile che sicuramente farà le fortune di mister Stellini.

DALLE GIOVANILI ALLA C. Cresciuto calcisticamente tra le giovanili del Bari e quelle del Siena - il suo arrivo è da ricercare nella stagione 2011/2012 - Pastore è un veterano della Lega Pro. Il suo esordio in serie C risale infatti alla stagione del 2012/2013 quando tra le fila del Borgo a Buggiano colleziona la bellezza di 29 presenze e una rete.

IL SALTO DI CATEGORIA. La stagione successiva è il Pontedera a puntare forte su di lui. In Toscana si conferma con 24 presenze condite da due reti. Poi il salto in B a Trapani dove però Pastore non trova spazio. Un prestito poi al Forlì nel gennaio 2015 (12 presenze) e il ritorno a Trapani nella stagione 2015/2016 con una sola presenza all'attivo. Poi la parentesi alla Virtus Francavilla. Una stagione importante che consacra ulteriormente Pastore grazie alle 30 presenze e i 5 gol fatti.

L'ARRIVO AD ALESSANDRIA. Nonostante l'indubbio valore il calciatore non riceve il rinnovo del contratto e si svincola. Un colpo coi fiocchi da parte di Sensibile che si è aggiudicato Pastore per i prossimi tre anni.