Umberto Eusepi: "Quando l'Alessandria ha chiamato non ho avuto dubbi"

09.08.2019 08:53 di Federico Capra Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Umberto Eusepi: "Quando l'Alessandria ha chiamato non ho avuto dubbi"

È stata una trattativa lampo quella che ha portato Umberto Eusepi alla corte di mister Cristiano Scazzola. Sì, perché quando l'Alessandria lo ha chiamato l'attaccante ex Pisa non ha avuto dubbi. "Ero in trattativa con altre squadre, poi il direttore Artico mi ha chiamato. È stato convincente e ho scelto di venire", ha spiegato l'attaccante nel corso della conferenza stampa della sua presentazione ufficiale.

"Arrivo in una società importante e cercherò di ripagare la fiducia che mi è stata data. Insieme vogliamo fare una grande annata", ha aggiunto Eusepi. Poi la rivelazione: "In caso l'Alessandria dovesse vincere il campionato (quindi salire in serie B, ndr) scatterebbe il riscatto del mio cartellino in automatico. Ho una grande responsabilità ma non ne sento il peso dato che ho grandi ambizioni come lo stesso club grigio". L'obbiettivo personale di stagione è così "migliorare i miei numeri personali rispetto alla passata stagione" quando Eusepi al Novara ha giocato 35 partite segnando nove reti.

Su come rendere al meglio l'attaccante classe 1989 ha le idee ben chiare: "Sono abituato ad avere come compagno di reparto uno che giochi vicino a me ed entri bene nell'azione. Poco importa poi che sia prima o seconda punta. In serie C avere un compagno che crei spazi è importante. Però non sono un attaccante 'egoista' gioco per il bene della squadra". Poi un ricordo del recente passato quando Eusepi è stato "fischiato dai tifosi dei grigi. Ma questi fischi mi hanno fatto piacere dato che, in un certo senso, voleva dire che mi temevano. Che avevano paura potessi fare gol. Ora penso di guadagnarmi la loro stima da giocatore non più avversario".