Padova-Alessandria 0-0, le pagelle dei grigi di Longo

13.06.2021 20:45 di Fabrizio Pozzi Twitter:    vedi letture
Padova-Alessandria 0-0, le pagelle dei grigi di Longo
GrigiOnLine.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

L’Alessandria pareggia a reti inviolate la gara d’andata della Finale Playoff (leggi anche Padova-Alessandria 0-0, tutto rimandato alla gara di ritorno...). Queste le nostre pagelle.

Pisseri 6,5: attento nelle occasioni nelle quali è chiamato in causa, è aiutato dalla traversa quando non ci arriva…

Parodi 6: ritorna a destra come terzo di difesa e riesce a superare non poche difficoltà. Successivamente ritrova la corsia di competenza lottando con grande abnegazione.

Di Gennaro 6,5: centralmente il Padova non sfonda ed il merito è soprattutto suo che conferma una buona  capacità di lettura del gioco.

Prestia 6,5: spesso insuperabile sui palloni alti, ribadisce una regolarità di rendimento che lo rende essenziale nell’economia della difesa.

Mora 5,5: poco incisivo, perde parecchi duelli e non si rivela particolarmente ispirato in chiave offensiva (dal 71’ Cosenza 6: si immedesima immediatamente nel clima della finale, anche se in qualche caso deve ricorrere a tutto il suo mestiere).

Giorno 6,5: recupera un’infinità di palloni, detta i tempi alla squadra ed azzarda anche qualche buona giocata, attestando che il suo stato di forma è pressoché ottimale (dall’81’ Gazzi 6: ritorna in campo dopo lungo tempo, ma il capitano non ne risente e si getta nella battaglia come da sua abitudine).

Bruccini 6: avrebbe l’occasione per sbloccare la gara nel primo tempo, ma non la sfrutta. Per il resto è un po’ macchinoso e, anche per questo, spesso costretto a ricorrere all’esperienza (dal 60’ Casarini 6: non fatica ad entrare in partita ma pare un po’ condizionato, soprattutto mentalmente, dalle proprie condizioni fisiche).

Celia 6: ben contenuto dagli avversari quando prova ad attaccare, deve spesso ripiegare ma non commette errori significativi.

Chiarello 6: si mostra pienamente recuperato sul piano fisico ed è pericoloso sul finale di entrambe le frazioni, benché accusi una prolungata pausa nella fase centrale della ripresa.

Corazza 5,5: nonostante l’apparente impegno che ci mette, non è abbastanza convinto sotto porta e poco efficace negli uno contro uno (dal 71’ Eusepi 6: sfruttando anche il fatto di subentrare al cospetto di avversari più stanchi, l’apporto fornito è migliore, sebbene non decisivo, rispetto a quello del compagno che sostituisce).

Arrighini 6: non riesce ad incidere e rimane a secco. Da apprezzare, comunque, la grande volontà e la voglia di provarci anche con conclusioni dalla distanza che non si segnalano mai davvero pericolose (dall’81’ Stanco sv).

All. M. Longo 6: il tecnico opta per una tattica attendista, come denota la formazione inizialmente schierata, che ha l’esito di chiudere la gara d’andata a reti inviolate. Nel finale, quando il Padova è parso più stanco dei grigi, forse avrebbe potuto osare di più.