Moreno Longo: “Vogliamo giocarcela con coraggio e convinzione”

23.04.2021 11:30 di Redazione GrigiOnLine   Vedi letture
Moreno Longo
Moreno Longo
© foto di Image Sport

Si avvicina il big-match tra Como ed Alessandria in programma domenica alle 15 allo stadio ‘Sinigaglia”. Il tecnico dei grigi Moreno Longo, in videoconferenza con i media, ha presentato così l’attesissimo scontro diretto con un’altissima posta in palio.

L'unico vantaggio ce l'ha il Como, ed è quello di avere un punto in più in classifica. Noi siamo dietro e dobbiamo vincere, non ci sono altri aspetti che possano avvantaggiare una delle due squadre, se non approcciare il match nelle maniera giusta. In pochi avrebbero scommesso su questa rimonta, eravamo a -14 e in pochi potevano dare credito a questo gruppo. Invece la squadra si è superata, ha fatto qualcosa di eccezionale ed incredibile finora. Ora c’è la possibilità di concretizzare il tutto, ma l’obiettivo era riaprire il campionato e dimostrare che questo gruppo poteva essere altamente competitivo e lo ha dimostrato. Siamo arrivati fino qui e vogliamo andare fino in fondo giocandocela con coraggio e convinzione. Questo gruppo ha dimostrato valori molto elevati. Le insidie sono quelle di una partita con la posta in palio altissima, nella quale l’Alessandria non deve farsi attanagliare dalla pressione e dall’ansia ma giocare con personalità e coraggio. Come, del resto, ha fatto fino ad adesso. E poi dovrà avere la testa più sgombra possibile per esprimere il proprio potenziale. Per fare questo servirà il giusto approccio, cioè preparare una grande partita che sicuramente sarà diversa dalle altre da affrontare con equilibrio anche sul piano motivazionale”.

Il tecnico non si sbilancia ulteriormente. “Non possiamo sapere quello che ha intenzione di fare il Como e non mettiamo certo in piazza, prima della partita, quello che faremo noi. Ciascuno ha la propria strategia ed ogni partita ha una storia a sè. Le gare sono spesso condizionate da episodi, perciò dovremo fare sì che gli episodi siano dalla nostra parte mettendo il massimo dell’attenzione e della concentrazione per non concedere loro episodi favorevoli. E, nel contempo, creare i presupposti per essere incisivi. Non si può prevedere quello che succederà, se non predisporsi già alla possibilità di cambiare anche qualcosa. Di fronte avremo un avversario di grande rispetto che è davanti da tutto il girone di ritorno, di conseguenza servirà la migliore Alessandria possibile per uscire da Como con tre punti”.

Longo ha poi inquadrato le caratteristiche degli avversari. “Hanno esterni molto abili nel ribaltare l’azione e giocare sulle transizioni positive e riescono a giocare con buona efficacia nell’uno contro uno. Alternano gioco sull’esterno a gioco tra le linee con continui filtranti. Questi sono i loro maggiori punti di forza, ma hanno giocatori che in qualsiasi momento possono trovare la giocata vincente. Dovremo cercare di prepararci al meglio per opporci, d’altro canto dovremo essere bravi noi. Anche noi abbiamo giocatori che possono fare male in qualsiasi momento”.

L’unico assente sarà l’infortunato Sini. “Tolto lui tutti si stanno allenando tutti, anche se mancano ancora un paio di sedute che speriamo di concludere al meglio. La squadra sta bene ed è in condizione, altrimenti non avrebbe fatto tutto questo percorso. Arriviamo a questa partita in salute, ma dovremo dimostrarlo sul campo tirando fuori l’ennesima prestazione positiva. In partite così importanti bisogna tenere conto della condizione fisica, ma soprattutto di quella mentale che è quella che muove il tutto”.

Non c’è una chiave predefinita – ha aggiunto Longo riguardo la preparazione della gara – se non il fatto di conoscere il proprio gruppo e sapere di cosa questo ha bisogno. In questi mesi la sintonia tra me e la squadra è migliorata, e parlo di conoscenza reciproca perchè ora io conosco meglio i giocatori e loro conoscono meglio me. La gara si prepara sul piano motivazionale, anche se queste sono partite che si preparano quasi da sole. Non servono grandissime motivazioni esterne, tutti siamo consapevoli di quanto è bello poter giocare una partita del genere e di quanto può essere importante per noi un risultato positivo”.