Moreno Longo: “Ora dobbiamo preparare al meglio il big-match”

19.04.2021 08:30 di Redazione GrigiOnLine   Vedi letture
Moreno Longo
Moreno Longo
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

L’Alessandria soffre il giusto per avere ragione della Pergolettese. Al termine dell’incontro, giocato ieri sera al ‘Moccagatta’, il tecnico dei grigi Moreno Longo ha analizzato così il match in videoconferenza stampa con i media.

La partita è stata più difficile del previsto solo per chi non ha preparato la gara. Sapevamo che avversario andavamo ad incontrare e conoscevamo le qualità di questa squadra che dispone di ottimi giocatori. Sapevamo anche il tipo di partita che sarebbe venuto a fare qui, anche a livello nervoso. Hanno giocato una partita come fosse decisiva anche per loro nonostante una classifica pressochè tranquilla. L’ostacolo da superare era impervio ed i ragazzi sono stati bravi a vincere pur con qualche difficoltà. Ma le difficoltà sono in ogni partita, tutte le gare riservano incognite

Alessandria che ha mostrato di saper anche soffrire. “La capacità di soffrire e cambiare anche atteggiamento deve fare parte di questa squadra. L’avversario ti può anche mettere in difficoltà e devi saperti opporre modificando le carte in tavola. Sono contento di come la squadra legge le situazioni, in questo campionato non puoi avere la presunzione di comandare sempre il gioco. Siamo una squadra umile, che rispetta tutti. Mustacchio? Ha fatto un passo indietro, ma arriva da una lunga inattività e, nel suo percorso, ci può stare. Ha faticato a trovare la posizione, ma abbiamo poi rimesso a posto le cose. Per questo è importante avere a disposizione l’intervallo”.

Mister Longo non usa aggettivi per definire la sua squadra. “Non basterebbe una definizione per descrivere questa squadra. Ciò che mi piace di più è vedere una squadra coesa, con giocatori che lottano, danno il 110% e lavorano duro in settimana”.

Domenica prossima ci sarà lo scontro diretto con il Como capolista. “La preparazione dovrà essere fatta con la stessa meticolosità adottata nelle altre gare. Nulla deve cambiare in noi, sappiamo di andare a giocare una partita molto importante. Ma non diversa dalle altre, abbiamo dovuto recuperare 13 punti su 14 che è qualcosa di incredibile. Siamo sempre stati costretti solo a vincere. Dobbiamo prepararci bene, avere equilibrio e lavorare sui dettagli come abbiamo sempre fatto. Dovremo presentarci con la testa sgombra e lo spirito di chi si è guadagnato un’occasione e non vuole lasciare rammarico sulla strada”.

Anche in ottica del big-match di domenica prossima Casarini, mattatore della serata ma diffidato, è stato sostituito nel finale. “Un cambio che ho fatto a fatica, ma per preservarlo. Negli ultimi minuti sarebbe salita la tensione. Per come ha giocato, però, avrebbe certamente meritato di stare in campo”