Michele Marcolini: “La squadra ha fortemente voluto il pareggio. Complimenti ai ragazzi ed ai nostri tifosi”

10.03.2018 21:45 di Fabrizio Pozzi  articolo letto 301 volte
Michele Marcolini
Michele Marcolini

L’Alessandria prosegue la striscia positiva strappando un meritato pareggio nei minuti di recupero al cospetto del Pisa. Anche per questo il tecnico dei grigi Michele Marcolini, in sala stampa, ha esaltato le doti del gruppo a sua disposizione.

Per quanto può valere il mio giudizio credo sia un risultato giusto, ritengo sia stata una partita bella ed equilibrata. Nel secondo tempo, anche se non abbiamo avuto occasioni nitide a parte il colpo di testa di Bellazzini, eravamo spesso nella loro metà campo, perciò credo che il pareggio sia stato meritato. Abbiamo portato la gestione della palla più in alto e, da lì, abbiamo sviluppato migliori manovre offensive. La squadra è stata bravissima nel secondo tempo a far capire al Pisa che volevamo recuperare a tutti i costi”.

Il turn-over è stata una scelta quasi obbligata. “Veniamo da tantissime partite e nel prossimo mese e mezzo ce ne aspettano moltissime altre. Mi sembrava giusto cambiare qualcosa anche per evitare che ci potessero essere degli infortuni. I 120’ di coppa ci hanno tolto energie fisiche ma, soprattutto, mentali. Era difficile avere la predisposizione giusta. Per questo, per esempio, ho cambiato Gazzi che si portava dietro un problema al polpaccio. Tra l’altro mi è andata molto bene perché Ranieri ha fatto la miglior partita da quando io sono qui. Sono molto contento e mi fa piacere elogiarlo pubblicamente perché è un ragazzo che ha sempre avuto l’atteggiamento ed i comportamenti  giusti. Tutti gli dobbiamo qualcosa perché, se non lo avesse fermato lui, quel contropiede sarebbe stato letale”.

Nonostante il grande dispendio di energie alla fine del match erano comunque quelli del Pisa ad avere i crampi… “Mi fa piacere. Però nel calcio la condizione fisica è importante, ma quella mentale sposta gli equilibri. Quando le cose non vanno bene la testa ne risente ed i crampi possono essere conseguenza della condizione psicologica. Noi speriamo di continuare  così, anche se la cosa più difficile è gestire proprio le energie mentali. Per questo anche oggi vanno grandissimi complimenti alla squadra. E poi permettetemi  di sottolineare l’atteggiamento della squadra dopo il gol del pareggio. L’esultanza è stata quella di una squadra che lo voleva fortemente. Anche se è una squadra composta da giocatori che hanno fatto categorie superiori, c’è la volontà di dare il giusto peso a quello che stiamo facendo. Questo deve darci una spinta ulteriore e determinante”.

Anche per questo il saluto ai tifosi, al termine della gara, è stato più lungo del solito. “Come potevamo farne a meno? Oggi erano di nuovo tantissimi e questo ci fa davvero piacere. Ci tenevo, lo sapete, ed è una cosa che potrà darci la spinta fondamentale nel proseguio del campionato e per la finale di coppa. È bello condividere con la nostra gente un pareggio raggiunto così”.