Massimo Cerri: “Un punto che vale oro per il morale”

03.02.2019 18:30 di Fabrizio Pozzi Twitter:   articolo letto 170 volte
Massimo Cerri
Massimo Cerri

Con mister D’Agostino squalificato, così come il suo vice Mancino, è Massimo Cerri, diesse dell’Alessandria, a presentarsi in conferenza stampa dopo il pareggio con il Pisa ottenuto in extremis dai grigi.

La squadra ha dato tutto quello che aveva. In qualche occasione abbiamo fatto anche confusione. Nel primo tempo il campo era un po’ migliore e siamo stati più ordinati. Oggi i punti avevano un valore altissimo, dal momento che loro sono venuti qui per vincere mentre noi non abbiamo ancora vinto in casa. Oggi il risultato era fondamentale e, qualche volta, si può anche giocare male per ottenerlo. La squadra ha capito che doveva giocare per fare risultato. Nel primo tempo un rigore ha dato il vantaggio agli ospiti, ma forse ce n’era uno anche per noi. Nonostante tutto abbiamo continuato a giocare e tenete presente che noi abbiamo giocato mercoledì a Vercelli in coppa e, in questo momento abbiamo molti infortunati. Avevamo pochi cambi in attacco, ma la squadra ha prodotto lo sforzo per raggiungere il risultato. E stavolta abbiamo pareggiato noi nel recupero, mentre di solito erano gli altri a farlo. Questo è un salto di qualità, perciò sono contento. È chiaro che dobbiamo mettere a punto delle cose, essere più qualitativi ed organizzati, ma questo punto vale oro per il morale. Ci dà la sensazione di aver ottenuto qualcosa che volevamo”.

Abbiamo battuto una rimessa laterale, c’è stato lo smarcamento in avanti, il cross di Chiarello ed il fallo da rigore - ha aggiunto Cerri parlando dell'azione da cui è scaturito il pareggio - una cosa fatta bene al 93’, con De Luca che aveva giocato tutta la partita. Certo che un minuto dopo abbiamo commesso una disattenzione che poteva costarci cara”.

La direzione di gara ha scontentato un po’ tutti. “Sappiamo che come un calciatore può non essere in forma, probabilmente oggi la terna arbitrale non era in forma. Ci sta, noi dobbiamo accettare questo. Capita in serie A, noi siamo in serie C ed abbiamo arbitri di serie C”.

In chiusura Cerri fa un appello ai tifosi. “Io ho sempre detto che la nostra curva ci ha sostenuto anche nei momenti peggiori, anche quando abbiamo fatto gare inguardabili. Stanno soffrendo i tifosi come stiamo soffrendo noie i cori (di contestazione nei confronti del società, n.d.r.) che ho sentito nel finale non c’entrano con quello che stiamo facendo. Veniamoci incontro, cerchiamo di soffrire insieme ancora per un po’ per poi raccogliere soddisfazioni in futuro”.