Luca Barlocco: “L’Arezzo è una signora squadra, non sarà una partita facile”

09.02.2018 08:30 di Fabrizio Pozzi  articolo letto 49 volte
Luca Barlocco
© foto di Matteo Papini/Image Sport
Luca Barlocco

Dopo una prima parte di stagione in serie B, alla Pro Vercelli, il mercato invernale ha riportato Luca Barlocco all’Alessandria. Al termine dell’allenamento di ieri il giocatore ha incontrato la stampa.

Bello tornare e giocare nello stadio riqualificato – ha affermato il difensore di proprietà della Juventus – nessuna partita è facile ed abbiamo visto quanto sia stato ostico il Siena. Importante essere riusciti ad ottenere un risultato che permette di continuare la striscia positiva”.

La scelta di tornare in grigio. “Dal punto di vista personale i mesi che ho passato a Vercelli non sono stati buoni, nel senso che ho giocato poco. C’era voglia di cambiare e ricominciare, magari non da capo – ha spiegato Barlocco – Alessandria è una piazza che già conoscevo e sapevo che non aveva passato dei momenti difficili. Da fuori si faceva fatica a capire, sono situazioni che bisogna vivere. Tornare a gennaio potrebbe essere stata una fortuna, ma la squadra è sempre stata forte e sta uscendo in ottima maniera”.

C’è un elemento che deve contraddistinguere la squadra. “Come dice il mister la cosa più importante in questo momento è l’atteggiamento, entrare in campo con la voglia di far bene. Dal punto di vista tattico non posso dire molto, sono tornato da poco. Col 4-3-3 la squadra sta comunque facendo bene perciò non credo ci siano problemi”.

A parte le prime tre, che sono un po’ lontane, dalla quarta in giù ci sono pochi punti che dividono le squadre – ha poi riflettuto il difensore a proposito della classifica – il campionato sarà combattuto fino alla fine per le posizioni play-off”.

Barlocco chiude rivolgendo il pensiero alla prossima gara nella quale l’Alessandria farà visita ad un Arezzo, fresco di penalizzazione (QUI). “L’Arezzo è una signora squadra, con ottimi giocatori. E poi sarà in casa loro e sicuramente vorranno trovare il modo per uscire dai loro problemi. Non sarà una partita facile”.