Lega Pro, Francesco Ghirelli: “Porte chiuse? Spero di no”

25.02.2020 11:30 di Redazione GrigiOnLine   Vedi letture
Francesco Ghirelli
Francesco Ghirelli

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, ai microfoni di TMW Radio, ha fatto il punto della situazione dopo che il rinvio di molte gare per l’emergenza coronavirus ha stravolto il calendario dei gironi A e B.

Siamo in una situazione di particolare complicazione dal punto di vista delle vicende – riporta tuttoc.comla salute viene prima di tutto e lo sport deve fare un passo indietro sul piano dell’organizzazione e lo dico io che sono un presidente di lega. Non bisogna né sottovalutare l’avvenimento né propagare la paura. Noi, vedendo quello che stava succedendo, abbiamo deciso di intervenire passo dopo passo rinviando le partite di Lombardia e Veneto attenendoci alla catena di comando: Governo, esperti, Coni, Federcalcio e infine le varie leghe. Inoltre abbiamo deciso di intervenire adeguandoci al fatto che i Gironi A e B non giocassero i prossimi due turni previsti per mercoledì e domenica, anche se alcune regioni come la Toscana non sono state toccate, mentre il Girone C giocherà regolarmente. Ci auguriamo di ripartire il prima possibile, altrimenti ci adegueremo alle decisioni che verranno prese in sede governativa. Porte chiuse? Abbiamo deciso di riorganizzare il campionato nelle finestre aperte perché vogliamo giocare con il pubblico per dare due ore di felicità in un momento complesso, perché il calcio senza pubblico non ha senso e infine perché il trend positivo che abbiamo registrato nel girone d’andata si mantenga nonostante queste difficoltà. Salvo sorprese che non ci auguriamo puntiamo a non disputare gare a porte chiude. Se ci sarà un centimetro di possibilità di giocare a porte aperte noi lo faremo”.