Gaetano D’Agostino: “Due punti persi, ci è mancata un po’ di malizia”

29.10.2018 11:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:   articolo letto 102 volte
Gaetano D'Agostino
Gaetano D'Agostino

L’Alessandria pareggia un’altra gara interna, questa volta in rimonta, chiudendo sull’1-1 con il Gozzano. Al termine del match il tecnico dei grigi Gaetano D’Agostino ha commentato così la gara in sala stampa.

Sono due punti persi, perché noi abbiamo proposto calcio. Sono un po’ rammaricato per l’ingenuità che abbiamo commesso dopo le provocazioni del Gozzano e per il gol che abbiamo preso. Noi curiamo molto le marcature preventive e lì bisogna essere un po’ più maliziosi ed interrompere l’azione. Abbiamo avuto grande possesso palla, abbiamo creato ed abbiamo ripreso la partita mentalmente. La cosa che mi soddisfa è che in 10 non ci siamo impauriti, ma volevamo vincere. Sto vedendo una squadra sempre in crescita, che non butta la palla e non si disunisce. Rischiamo qualcosina, ma chi gioca a calcio non può farne a meno. La squadra è giovane e dobbiamo crescere in malizia. Quando gli avversari provocano non dobbiamo cadere in errore e compromettere la prestazione. Sia chi ha giocato che chi è subentrato ha dato il suo contributo. Noi giochiamo sempre per vincere e, alla lunga, saranno più i punti guadagnati che quelli persi”.

D’Agostino ha liquidato con una battuta l’espulsione di De Luca, un rosso diretto all’80’. “Lui ha sbagliato. Ma anche prima c’è stato un giocatore che ha inseguito Gatto per 30 metri per provocarlo. Il guardalinee era lì e non ha detto nulla anziché redarguirlo. Ma vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno e dare continuità ai risultati”.

Resta il fatto che per l’Alessandria non arriva la vittoria interna. “Ci teniamo e cercheremo di andare a vincere a Pistoia, la nostra mentalità deve essere questa. E poi cercheremo di regalare tre punti ai nostri tifosi. I ragazzi lo meritano per le prestazioni che stanno facendo”.

Il tecnico, poi, ha sottolineato quanto sia positivo che Santini abbia segnato la sua prima rete in maglia grigia. “È un generoso e gli pesava non aver segnato. È arrivato qui in un momento particolare della sua carriera, ma noi conosciamo le sue potenzialità. Deve capire che deve vivere più in area, tanto la generosità non gliela toglie nessuno. Deve tenersi energie per essere più lucido sotto porta. Ed oggi al momento giusto l’ha avuta facendo un gol da vero attaccante. E prendendo, per la prima volta da quando lo vedo giocare, la palla un po’ sporca. L’avesse presa piena magari avrebbe preso il palo…”.

D’Agostino ha anche provato ad evitare la polemica sulla direzione di gara. “Preferisco fare yoga, respirare e sfogarmi con il mio direttore sportivo. Non ho voglia di perdere energie sugli arbitri. Voglio pensare ai margini di crescita dei ragazzi, l’arbitro fa le sue scelte. A volte vanno bene altre male. In questo momento le cose vanno un più verso il male, ma aspetteremo giorni migliori. L’arbitro è giudice e giudica per quello che vede. E allora, respirando, dico pazienza”.

L’Alessandria, infine, non giocherà il previsto derby di coppa con la Pro Vercelli. “Con la partita anticipata a sabato forse è positivo. Se avessimo giocato domenica a Pistoia sarebbe stata l’occasione per dare minutaggio a quelli che hanno giocato meno. E chi gioca meno ha bisogno di sentire la sensazione della partita”.