Gaetano D’Agostino: “Col Piacenza adotteremo una strategia diversa”

02.12.2018 14:30 di Fabrizio Pozzi Twitter:   articolo letto 63 volte
Gaetano D'Agostino
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Gaetano D'Agostino

Alla vigilia del posticipo che domani sera vedrà l’Alessandria ospitare il Piacenza al ‘Moccagatta’, il tecnico dei grigi Gaetano D’Agostino ha incontrato la stampa, come abbiamo riferito in diretta sulla nostra pagina Facebook dove le sue parole sono disponibili in versione integrale.

Sarà una partita tosta, noi dovremo fare una gara attenta – ha affermato il tecnico lasciando intendere qualche novità sul piano tattico – abbiamo fatto alcuni accorgimenti dopo la partita con il Cuneo ed adotteremo una strategia diversa. Il calcio è fatto anche di statistiche e noi, sbilanciandoci per cercare di fare gioco, abbiamo preso dei gol in contropiede. Dobbiamo abbassare questo dato, perciò cercheremo di fare una partita attenta, rispettando il Piacenza ma provando a sfruttare i loro punti deboli”.

D’Agostino, comunque, non ha scoperto troppo le proprie carte. “Non so ancora se giocheremo col centrocampo a due. Tentoni è pronto e preferisco schierarlo dall’inizio per farlo partire con la squadra. Checchin è disponibile ma non ancora pronto dopo la lunga inattività”.

Il Piacenza è un avversario particolarmente temibile. “Ho visto la partita di Vercelli, ha tanti giocatori che possono determinare la partita e un periodo di appannamento può starci. Ma il Piacenza è una delle squadre più accreditate per vincere il campionato. Hanno giocatori di esperienza e di categoria, è vero che vengono da un punto in tre partite ma sapranno reagire. Noi dovremo fare la nostra partita, pensando a noi stessi ed alla nostra crescita. Noi, a squadra schierata, quasi mai abbiamo subito gol. Loro hanno giocatori come Sestu e Pesenti abilissimi ad attaccare lo spazio, quindi dovremo tentare di limitare le loro folate altrimenti sono imprendibili”.

L’Alessandria arriva da un mese di novembre avaro di risultati. “Il nostro calo è stato anche fisiologico. Il ritiro è stato difficile da affrontare e quando si forma un nuovo gruppo ci vuole il giusto tempo. Io non ho la bacchetta magica ed abbiamo un po’pagato il fatto che qualche giocatore è arrivato a fine ritiro e non ha potuto mettere benzina sufficiente per affrontare tante partite. Poi ci sono stati infortuni da sovraccarico. Ma questo non deve essere un alibi, per me prima di tutti, ma anche per i ragazzi. A Vercelli, pur avendo giocato con una difesa di tutti under tranne Agostinone, abbiamo fatto una buonissima partita. Il calo c’è stato, ma le scuse lasciano il tempo che trovano”.

In chiusura D’Agostino ha passato in rassegna le condizioni di alcuni dei singoli. “Delvino, dopo l’operazione al naso, verrà in panchina con una maschera protettiva mentre Panizzi ha ricominciato a correre e sta proseguendo nel recupero. Badan la prossima settimana credo possa tornare in gruppo, perciò spero di averli tutti a disposizione anche per avere alternative nel difficilissimo mese di dicembre durante il quale giocheremo sette partite”.