Fabio Rebuffi: “Bisogna cominciare a fare punti. E non solo per il morale”

23.09.2022 16:00 di Redazione GrigiOnLine   vedi letture
Fabio Rebuffi
GrigiOnLine.com
Fabio Rebuffi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Domani si giocherà il testa-coda tra Alessandria e Carrarese. Il tecnico dei grigi Fabio Rebuffi ha presentato così l’impegno in conferenza stampa.

Ricambio i complimenti di Dal Canto (ieri l’allenatore gialloazzurro aveva speso parole di elogio per l’Alessandria, n.d.r.), credo sarà una bella partita e mi aspetto una Carrarese molto forte. Non vedo l’ora di essere in campo ed affrontarla”. 

Le novità sul piano tattico possono essere confermate. “Il cambio del modulo di gioco non è stato fatto in funzione dell’avversario ma dovuto alle caratteristiche che la mia squadra stava dimostrando. Proveremo a consolidare l’idea che abbiamo percorso anche se penso che sia l’interpretazione dei giocatori a fare la differenza, non solo il sistema di gioco. Tra i segnali che ho colto da parte della mia squadra mi pareva che con il 3-5-2 avessimo difficoltà a risalire con i quinti che faticavano a trovare le giuste altezze”.

Capello, attaccante della Carrarese e capocannoniere del girone, è un brutto cliente. “Non dovremo cambiare i principi difensivi in base ad un singolo avversario, anche se importante. Finora abbiamo già incontrato altri attaccanti molto forti perciò non dovremo snaturarci. Abbiamo analizzato le prestazioni della Carrarese e, per esempio, abbiamo notato che gli ultimi cinque gol li ha segnati di testa. Cercheremo di essere il più pronti possibile sotto ogni punto di vista”. 

La formazione è ancora da decidere. “Lunedì scorso Checchi non ha giocato viste le gare ravvicinate e per gestire le forze di tutti. Nichetti purtroppo è un tasto dolente perchè ha accusato un problema muscolare e non ci sarà per un po’ tempo. Dovremo essere bravi a sostituirlo con elementi che hanno caratteristiche diverse dalla sue. Galeandro? È giovane e non si risparmia ma ben presto arriverà a reggere tutta la gara”.

La Carrarese, che ha giocato domenica con la Virtus Entella, ha avuto a disposizione un giorno di riposo in più. “Un giorno in più per lavorare sul campo avrebbe fatto comodo anche a noi ma non penso sarà questo a fare la differenza. Per esempio contro la Reggiana, a tratti nella ripresa, ho avuto persino avuto l’impressione che stessimo addirittura meglio di loro sul piano fisico. Anche se abbiamo cominciato tardi stiamo crescendo, e lo stiamo facendo grazie anche alle partite ravvicinate. Sul piano fisico credo siamo al 60-70%, perciò abbiamo ancora margini”. 

Anche sul piano del morale ci spazi per migliorare. “La fortuna di essere giovani permette di non rimuginare troppo e poi ripartire immediatamente. L’umore della squadra è buono però serve cominciare a fare punti e non solo per il morale. Ieri il presidente Di Masi ha incontrato la squadra e l’ha tranquillizzata. Mi sembra che abbia percepito positivamente la vicinanza della società. Voci che turbano? I ragazzi non mi ha dato questa impressione ed anche io sono tranquillo, comunque la visita del presidente ha fatto molto piacere anche a me”.