Davide Di Quinzio: “Ho scelto di andare dove c’è qualcosa di importante”

16.01.2020 08:30 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Davide Di Quinzio
Davide Di Quinzio

Poche ore dopo l’annuncio ufficiale (leggi anche UFFICIALE: Davide di Quinzio è un giocatore dell’Alessandria) Davide Di Quinzio, neo acquisto dell’Alessandria, ha incontrato la stampa. Abbiamo diffuso in diretta sulla nostra pagina Facebook, dove la conferenza stampa è disponibile in versione integrale, le parole del giocatore che ha firmato un contratto fino al 2022.

La mia esperienza a Pisa era arrivata alla fine (Di Quinzio era legato ai nerazzurri fino al 30 giugno 2020, n.d.r.) ed ho avuto questa opportunità grazie al direttore che ha creduto in me fin dall’inizio. Conoscevo l’Alessandria per averci giocato contro tante volte, so che piazza è e quali ambizioni ha e non mi sono fatto scappare l’opportunità. È stata la mia prima scelta. Comunque ero in serie B, perciò vado dove c’è qualcosa d’importante. Mi ha fatto molto piacere l’interesse e sono contento di essere qui. A Pisa ero parte integrante del gruppo, la società ha fatto la sua scelta ed io avevo voglia di giocare, perciò ho preso questa decisione. Fisicamente sono a posto, magari sono un po’ indietro di condizione non avendo giocato con continuità. Ho sempre giocato come mezzala sinistra, cercando di allargarmi un po’ per l’uno contro uno. Raramente ho giocato da esterno, ma mi adatto”.

Di Quinzio incontra nuovamente ad Alessandria l’ex compagno Eusepi. “Abbiamo giocato insieme a Pisa, siamo amici e sono contento di ritrovarlo qui”.

Di Quinzio è poi tornato sulle sue esperienze da avversario dei grigi. “Ricordo la gara dell’anno scorso, quando sono stato espulso all’ultimo minuto per proteste. Ero capitano ed ho preso due giornate… Poi ricordo quelle con il Como, una qui che abbiamo perso nettamente e poi quella a Como, quando vincemmo per 2-1 nel 2017”.

Calciatore esperto, Di Quinzio ha spesso vestito maglie ‘pesanti’ (Spal, Como e Pisa) ed ha ottenuto un paio di promozioni in serie B. “Negli ultimi anni ho giocato in squadre importanti e sono arrivate un paio di promozioni. La ricetta giusta prevede continuità, un po’ di pazienza, tranquillità, tanto lavoro, una grande società ed ottimo gruppo. Qui, per quanto riguarda il gruppo, ho avuto un’ottima impressione. Mi sono integrato bene, sembrano dei bravi ragazzi cosa che è fondamentale. Pronto a giocare? Certo, non mi tirerei mai indietro, anche se non sono al 100%”.