Andrea Arrighini: “Vogliamo essere protagonisti in questo campionato”

16.11.2020 12:30 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Andrea Arrighini
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Andrea Arrighini

Dopo la doppietta che ha deciso il confronto con il Piacenza (leggi anche Alessandria-Piacenza 2-0, doppio Arrighini e i grigi volano) che ha portato a 4 le reti stagionali di Andrea Arrighini l’attaccante dell'Alessandria ha commentato così, nel dopo-partita, in videoconferenza stampa.

Questo deve essere un punto di partenza. Venivamo dal passo falso di mercoledì scorso, quando abbiamo giocato una brutta partita. Questo poteva lasciare brutte scorie, invece abbiamo dato una risposta importante. Abbiamo molto da migliorare e tanta strada da percorrere, però questo è un segnale importante. Vogliamo essere protagonisti in questo campionato. I gol? Sul primo loro avevano la difesa piuttosto alta ed è stato bravissimo Casarini a verticalizzare in profondità. Il campo era bagnato e la palla viaggiava veloce. Sul secondo il merito va tutto a Rubin, tengo a dire che è un ragazzo che si allena sempre al massimo e che quando entra ci da sempre una grande mano con la sua esperienza. La palla che mi ha messo parla per lui. Cosa ci siamo detti dopo mercoledì? In serie C non serve essere individualisti, serve calarsi nella parte. Essere capaci a gestire partite sporche. Non essere bravi ad interpretarle, giocando – passatemi il termine – da ignoranti a volte ci costringe a faticare. E mercoledì con l’Albinoleffe ci abbiamo sbattuto il muso. Oggi dovevamo fare bene e fare una prova di sacrificio. Oggi tutti, in difesa per esempio c’erano alcuni rientri, abbiamo dimostrato di essere pronti. Belli, in alcuni tratti, ma soprattutto compatti. Ora serve continuità, già da sabato prossimo con il Renate. Comunque abbiamo gestito bene questa partita e, quando ci sacrifichiamo l’uno per l’altro, è difficile farci gol. Dovremmo riempire meglio l’area, come non è successo mercoledì scorso, ma ci abbiamo lavorato in settimana. Di sicuro più siamo dentro l’area più problemi creiamo agli avversari”.