Alessandria-Virtus Entella 0-0. Le pagelle dei grigi

16.03.2019 18:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Andrea Gemignani
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Andrea Gemignani

L’Alessandria pareggia ancora, ma stavolta al cospetto della capolista (leggi anche Alessandria-Virtus Entella 0-0, buon punto per i grigi con la capolista). Queste le nostre pagelle.

Pop 6,5: molto attento in tutte le occasioni nelle quali è chiamato in causa, dimostra di meritare la fiducia che mister Colombo gli concede 

Sbampato 6,5: aveva di fronte clienti scomodi, ma riesce a disimpegnarsi senza commettere errori. Lascia il campo in preda ai crampi (dal 77’ Delvino 6: si cala immediatamente nella parte, operando con ordine. Solo un’incertezza, per sua fortuna, non decisiva).   

Gazzi 6,5: interpreta ancora una volta il ruolo di difensore centrale con sagacia tattica e, ormai, le sue letture delle giocate degli avversari danno fiducia a tutto il reparto arretrato.

Prestia 6,5: apporta consistenza alla fase offensiva con autorevolezza, confermandosi molto affidabile anche contro avversari di ottimo livello.

Gemignani 7: molto dinamico, riesce ad essere efficace quando è il momento di attaccare. Certamente significativo il suo contributo alla fase difensiva.

Checchin 6: non al meglio dal punto di vista fisico, sembra compassato. Ma ha lucidità per mettere in campo giocate interessanti (dal 74' Tentoni 6: al rientro dopo una lunga assenza si sistema nel ruolo di mezzala e prova qualche accelerazione).

Maltese 6: gioca più di spada che di fioretto e cerca di apportare concretezza al centrocampo.

Panizzi 6: non sempre pulitissimo nei fondamentali, prova a sopperire con qualche chiusura opportuna (dal 61’ Badan 6: recuperato in extremis, si disimpegna con ordine).

Bellazzini 6: la giocata più bella arriva sul finire del primo tempo quando mette in porta De Luca al culmine di una ripartenza fulminante. Per il resto è chiamato più in copertura che in costruzione.

De Luca 6: inevitabilmente pesa la rete fallita al termine della prima frazione. Ma comunque mette grande impegno e riesce a tenere in apprensione la difesa avversaria

Santini 6: combatte con dedizione anche se alcune sue giocate non sono felicissime (dal 61’ Akammadu 6,5: entra nel momento peggiore della partita per l’Alessandria, ma dà comunque l’idea di poter essere pericoloso).