Alessandria-Brescia, le probabili formazioni in campo alle 14

11.09.2021 11:00 di Redazione GrigiOnLine   vedi letture
Alessandria-Brescia, le probabili formazioni in campo alle 14
GrigiOnLine.com

Dopo oltre 46 anni (l’ultima gara tra i cadetti disputata al ‘Moccagatta’ risale al 22 giugno 1975…) l’Alessandria torna a giocare una partita di serie B tra le mura amiche. Evidente la portata dell’evento – proprio di questo bisogna parlare – per il quale c’è, giustamente, grande attesa in città. Oggi alle 14 lo stadio alessandrino presenterà praticamente il tutto esaurito, sebbene si debba tenere conto di una capienza dimezzata, nonostante l’ampia copertura televisiva dell’evento.

Le due squadre arrivano a questo incontro dopo un (breve) cammino diametralmente opposto, con due sconfitte esterne per i padroni di casa e due vittorie per gli ospiti, ma anche dopo la sosta per le Nazionali che potrebbe aver modificato qualche equilibrio.

Non si può, infine, tralasciare il fatto che oggi ricorra il ventesimo anniversario del tragico attentato delle Torri Gemelle e, esattamente alle 14.46, lo speaker dello stadio ‘Moccagatta’ leggerà un messaggio per commemorare quei drammatici momenti.

Alessandria – Reduce da due sconfitte nelle prime due trasferte l’Alessandria ha provato a ricaricarsi durante la sosta per presentarsi al meglio al primo appuntamento davanti al pubblico amico. Mister Longo ne ha approfittato per recuperare quasi tutti gli infortunati, restano ai box soltanto Prestia ed il lungodegente Sini, e per migliorare la condizione degli ultimi arrivati. Se le certezze sono rappresentate dagli interpreti del reparto arretrato, confermati rispetto all’ultima uscita nell’amichevole vinta con il Genoa, con Pisseri in porta e difesa a tre formata da Mantovani, Di Gennaro e Parodi, diverso è il discorso per il resto della formazione. A centrocampo il punto fermo è Casarini, che indosserà ancora una volta la fascia da capitano, il quale farà coppia con uno tra Bruccini e Ba. Anche sulle corsie esterne potrebbero esserci novità, se non a destra dove opererà l’ex di turno Mustacchio, magari a sinistra con Lunetta che prova ad insidiare il posto di Beghetto. In attacco, con Marconi non ancora al meglio della condizione, la punta centrale sarà il capocannoniere Corazza affiancato da Chiarello e Palombi che paiono in leggero vantaggio, rispettivamente, su Orlando ed Arrighini.

Brescia – La formazione di mister Inzaghi, che sarà accompagnata da 350 tifosi nel settore ospiti, vuole continuare trend positivo di inizio stagione. La profondissima rosa a disposizione del tecnico è praticamente al completo con le uniche due defezioni rappresentate da Chancellor, appena tornato dagli impegni con la nazionale del Venezuela, ed Ayè, infortunato. Nonostante la grande competizione interna il tecnico, oltre a confermare il modulo ad albero di Natale, potrebbe puntare a riconfermare quasi in blocco la formazione che ha inflitto un pesante 5-1 al Cosenza due settimane fa. Tra i pali andrà Joronen, il quale sarà protetto dalla linea a quattro composta da Mateju, il quale potrebbe comunque essere preferito al rientrante Karacic nonostante nonostante l’assiduo impiego nelle ultime tre uscite della nazionale della Repubblica Ceca, Cistana, Mangraviti e Pajac. Le chiavi del centrocampo potrebbero essere affidate a Bisoli – figlio d’arte di Pierpaolo ben noto agli sportivi grigi... – che pare ben più che una semplice alternativa a Bertagnoli, supportato da van de Looi e Léris. Anche in attacco Inzaghi ha molte carte a disposizione ma, almeno inizialmente, darà fiducia a Bajic come terminale offensivo sorretto dal lavoro di Tramoni e Jagiello, con elementi del calibro di Palacio e Moreo pronti a subentrare a gara in corso.

Queste le probabili formazioni in campo oggi alle 14

Alessandria (3-4-3): Pisseri; Mantovani, Di Gennaro, Parodi; Mustacchio, Casarini, Bruccini, Lunetta; Chiarello, Corazza, Palombi. A disp. Crisanto, Russo, Ba, Marconi,  Arrighini, Benedetti, Beghetto, Orlando, Pierozzi, Palazzi, Milanese, Kolaj, Celesia. All. M. Longo.

Brescia (4-3-2-1): Joronen; Mateju, Cistana, Mangraviti, Pajac; van de Looi, Bisoli, Léris; Tramoni, Jagiello; Bajic. A disp. Linner, Karacic, Ndoj, Spalek, Palacio, Moreo, Huard, Labojko Cavion, Bertagnoli, Olzer, Papetti. All. F. Inzaghi.

Arbitro: Fourneau di Roma 1 (Di Gioia-Di Giacinto. IV uff. Angelucci. VAR Banti, AVAR Rocca).