Alberto Colombo: “Intensità e stimoli importanti, partita che conta tantissimo per noi”

17.04.2019 17:45 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Alberto Colombo
Alberto Colombo

La vittoria nel derby con il Novara ha restituito speranze di playoff all’Alessandria, che si appresta alla gara con la Pro Patria in programma al ‘Moccagatta’ domani sera. Alberto Colombo, tecnico dei grigi, ha battuto proprio su questo presentando il match in conferenza stampa.

Molto dipende dalla prima – ha esordito il tecnico a proposito dell’importanza delle prossime tre gare - una partita che il gruppo ha avuto il merito di farla diventare di nuovo importante. Ma incontreremo una squadra che potrebbe essere da esempio, fatta con giovani e giocatori esperti che hanno calcato campi importanti come Santana, Ricky Colombo che ha giocato con me all’Albinoleffe, Le Noci, e che sta facendo un ottimo campionato. È evidente che si può fare bene anche con questo tipo di politica e faccio i complimenti alla loro società, al loro direttore tecnico. Ha battuto l’Entella, perciò sarà sicuramente una gara complicata per noi. Ma da vivere con grande intensità e con stimoli importanti. Il gruppo ha la sensazione di consapevolezza di andare a fare una partita che adesso conta tantissimo, un’ultima spiaggia da dentro o fuori e per averne poi un’altra dopo. Di sicuro servirà equilibrio, le partite non si possono vincere al primo minuto ma anche più in là. Importante l’approccio alla gara, altrettanto importante l’equilibrio”.

Assenze e rientri condizioneranno le scelte di formazione. “Coralli ha fatto tutta la settimana con noi, il dolore è diminuito come era nei nostri obiettivi. Non si può curare la pubalgia nel giro di una settimana. Abbiamo Panizzi in dubbio per un problema muscolare in via di risoluzione, perciò vedremo domattina. Mi sarebbe piaciuto poter giocare questa al completo per avere la possibilità di fare delle scelte, ma chi ha giocato meno e dovrà essere in campo avrà la possibilità di dimostrare il proprio valore. Prestia? Per lui la stagione è finita in ogni caso. Agostinone? La risposta è stata positiva, molto dipenderà da Panizzi, ma lui ha recuperato bene dalla gara di Novara”.

Sul piano tattico, però, Colombo non si sbilancia troppo. “È un attimo spostare il vertice da basso ad alto, quello che conta è la lettura degli spazi. La loro è una squadra di gamba e struttura fisica che gioca con intelligenza e concetti importanti che permettono di sfruttare le loro caratteristiche. La nostra abilità sarà trovare il punto debole. Se saremo bravi ne approfitteremo, altrimenti andremo in difficoltà”.

In chiusura Colombo è tornato alla sua esperienza alla guida della Pro Patria. “Io ho incominciato la carriera da allenatore professionista a Busto, ed anche per questo ho ottimi ricordi, ma sento la partita perché è decisiva per noi, non come ex”.