Robur Siena, Alessandro Dal Canto: “Non partiremo all’arma bianca”

04.07.2020 18:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Alessandro Dal Canto
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Alessandro Dal Canto

Alla vigilia della gara del secondo turno dei playoff tra Alessandria e Robur Siena Alessandro Dal Canto, tecnico bianconero, ha incontrato la stampa in videoconferenza per presentare la partita.

Stiamo discretamente sia dal punto di vista mentale che fisico, ma il responso lo darà la partita di domani. Come tutti veniamo da più di tre mesi di inattività e dobbiamo vedere in quali condizioni saremo realmente. Comunque sono contento del lavoro svolto. Paradossalmente è come se avessi 27 giocatori che arrivano da un infortunio grave... ma è una cosa comune a tutte le squadre e non mi sto piangendo addosso. La situazione è anomala, sia per lo stop lungo che per il periodo in cui si giocherà. Inevitabilmente verranno fuori partite senza grande intensità, magari risolte nei minuti finali. Le certezze sono le stesse di tre mesi fa, non è stata la sosta a spostare gli equilibri e se alcuni giocatori sono stati preferiti significa che mesi di lavoro hanno dato quel responso. Tutti sono allo stesso livello di condizione per giocare e recupero anche Guberti, mentre i nuovi arrivati si sono allineati agli altri”.

Incontreremo una delle squadre accreditate per arrivare fino alla fine - ha proseguito Dal Canto rispondendo alle domande - era già una buona formazione e si è rinforzata parecchio a gennaio. Detto questo sappiamo che dobbiamo vincere e che le partite durano 95’. Perciò non vedo la necessità di partire all’arma bianca, non sapendo in che condizione siamo noi e l’avversario. Noi dovremo fare quello che siamo abituati a fare, queste sono partite da giocare con sangue freddo, e pure parecchio”.

Pur senza anticipare nulla, Dal Canto sembra avere le idee chiare a proposito dell’undici da schierare domani al ‘Moccagatta’. “Partiremo con quelli che ritengo più affidabili in senso assoluto a livello tecnico e fisco. Dobbiamo tentare di far valere il palleggio, può darsi che chi è più tecnico possa farsi valere maggiormente in queste situazioni. Il problema è che affronteremo una squadra forte almeno quanto noi, non mi aspetto un netto predominio da parte di una delle due squadre. La partita sarà equilibrata, serviranno capacità tecniche e fisiche per sopportarla. Ovvio che sono contento di avere a disposizione una rosa che, in tanti ruoli, si equivale negli interpreti. Siamo tutti molto contenti di giocarci questa possibilità. Abbiamo un ventisettesimo - ha aggiunto il tecnico bianconero con un sorriso - delle possibilità di arrivare fino in fondo e ce lo giocheremo. I cambi saranno determinanti, nel corso della prossima partita e di quelle successive per chi avrà la fortuna di andare avanti”.