Pistoiese, Antonino Asta: “Merito all’Alessandria, ma noi troppo passivi”

02.03.2019 22:45 di Fabrizio Pozzi Twitter:   articolo letto 176 volte
Antonino Asta
© foto di Marcello Casarotti/TuttoLegaPro.com
Antonino Asta

Nuova battuta d’arresto per la Pistoiese, che perde per 1-0 ad Alessandria senza mai riuscire ad entrare in partita. Al termine dell’incontro, in conferenza stampa, il tecnico degli arancioni Antonino Asta non cerca scuse.

Bisogna sottolineare i meriti dell’Alessandria. Ma quando fai prestazioni così, non sai mai dove arrivano i meriti dell’una ed i demeriti dell’altra. Comunque loro erano molto più aggressivi, arrivavano primi su ogni palla, riuscivano a ripartire con veemenza e più mobilità. Potevo aspettarmelo, noi così come loro, avevamo molti infortuni e squalifiche e non riuscivamo a ripartire, soprattutto nel primo tempo, a livello fisico. Abbiamo subìto troppo, in particolare nella prima frazione. Abbiamo preso il gol al 37’, ma potevamo prenderlo anche prima. Ma il calcio è strano, noi abbiamo fatto partite importanti pur perdendo. E oggi, per assurdo, avremmo potuto pareggiare nel finale. Nel secondo tempo ho un po’ cambiato il sistema di gioco per rimanere più alti ed abbiamo provato con Momentè e Forte, che è entrato molto bene. Ma dovevamo fare di più”.

Asta non vuole pensare alle disgrazie altrui. “Indipendentemente da quello che sta succedendo noi dobbiamo preparare partite di campionato importanti. Se un giocatore non riesce a tenere viva la motivazione, allora non può fare questo lavoro. Noi dobbiamo pensare a noi ed oggi abbiamo fatto una delle poche prestazioni negative. Non riusciamo a dare continuità all’interno della gara”.